Lazio: teatri e cinema diventano aule studio per i giovani

Bando della Regione. "Continua l'impegno a favore di una nuova generazione" scrive sul suo profilo Twitter il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Photo credit: licenza CC https://creativecommons.org/licenses/by/2.5/deed.it

Cinema e teatri per ospitare spazi per la lettura e lo studio di studenti universitari. E’ questo l’obiettivo del nuovo bando della Regione Lazio e di DiSCo – Ente regionale per il diritto allo studio e alla conoscenza- sostenuto da una dotazione economica di 1,3 milioni di euro. Il bando prevede lo stanziamento di risorse per promuovere il progetto, sostenendo i costi per l’adeguamento logistico, quelli di gestione e per l’impiego del personale per un totale di 70mila euro per ogni sede.

“Rispondiamo così a una doppia esigenza. Aiutiamo i luoghi della cultura a superare il momento di difficoltà che stanno vivendo a causa della pandemia e offriamo nuovi spazi utili agli studenti i quali, proprio per le necessarie misure di distanziamento, hanno bisogno di nuove aree. Cinema e teatri, inoltre, potranno rimanere un punto di riferimento culturale, luoghi aperti e di incontro tra le persone. Non solo sale lettura”. Così in una nota Claudio Di Berardino assessore al Lavoro e Istruzione della Regione Lazio. “In prospettiva – spiega – questi spazi possono ospitare laboratori e altre attività in grado di costruire un senso di comunità, in cui si incontrano idee e maturano nuovi apprendimenti, di contatto tra generazioni e culture grazie alla prossimità tra mondo universitario e dello spettacolo. Il tutto in luoghi di prossimità, e dunque facili da raggiungere e nel pieno rispetto delle norme sanitarie”.

“Piu’ spazi per i giovani nei luoghi della cultura. Dalla Regione Lazio un bando per creare aree studio e lettura ospitati nei cinema e teatri. Continua l’impegno del Lazio a favore di una nuova generazione”. Cosi’, sul suo profilo Twitter, il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna