Moda: il 12 luglio AltaRoma sfilerà in Campidoglio

L'11 luglio ci sarà un evento ai Mercati di Traiano e il 28 luglio a via Veneto

Tra Piazza di Spagna e Trinità dei Monti, Piazza Mignanelli e via Gregoriana: la Maison Valentino torna a sfilare nella Capitale. L’evento, nato dalla collaborazione tra la casa di moda e Roma Capitale, si terrà venerdì 8 luglio e vedrà sfilare lungo un percorso di 600 metri, che attraverserà i quattro punti cardinali della capitale, gli abiti della nuova collezione Autunno/ Inverno 2022-2023 dello stilista italiano. Ad annunciare l’evento oggi nella Sala delle Bandiere del Campidoglio il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, l’assessore ai Grandi eventi di Roma, Alessandro Onorato, il direttore creativo della Maison Valentino, Pierpaolo Piccioli, l’amministratore delegato della Maison Valentino, Jacopo Venturini e l’attrice spagnola, Rossy De Palma.

“AltaRoma sfilerà il 12 luglio a Palazzo Senatorio, l’11 luglio ci sarà un evento ai Mercati di Traiano e il 28 luglio a via Veneto”, ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, nel corso della presentazione.

“Sono felice di presentare questo straordinario evento che è più di una sfilata che Valentino terrà a Roma, dopo tanti anni – ha spiegato il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri -. Abbiamo deciso di aiutare Valentino a realizzarla in una cornice unica che è motivo di orgoglio per noi. Una maison che è nata a Roma e che con lei ha un legame fortissimo. Si tratta di un evento di portata mondiale, di grandissimo livello, ma soprattutto che avrà un impatto oltre la serata. È un investimento importante – ha sottolineato il sindaco di Roma – per reimpiantare alcune palme in difficoltà in Piazza di Spagna. Ci sarà, inoltre, un invito per quindici allievi e due docenti delle scuole di moda di Roma: vogliamo rilanciare il grande laboratorio di creatività della capitale. Infine, ci sarà un grande ricevimento alle Terme di Caracalla. Questo evento – ha proseguito Gualtieri – segna un ritorno in grande stile di Roma come capitale della moda: luglio sarà un mese importante con tanti eventi che si svolgeranno nei luoghi iconici della città: dal Campidoglio a via Veneto”.

Per Roma è “fondamentale riavere Valentino qui – ha spiegato l’assessore ai Grandi eventi di Roma, Alessandro Onorato -. Riscoprire la grande storia di Roma e unire lo scopo di diffondere stile e bellezza con il punto di vista commerciale. Con Valentino parliamo di un gruppo che ha fatto la storia della moda. Non è facile – ha proseguito – unire 600 metri di sfilata in quattro punti cardinali della città: Trinità dei Monti, Piazza di Spagna, Piazza Mignanelli e via Gregoriana. Brandizzeremo la città con l’immagine della sfilata – ha sottolineato Onorato -: dieci ponti, 82 gonfaloni, 120 stendardi nelle vie del centro, 750 manifesti istituzionali e schermi a led nei palazzi storici della città, ma anche bus e metro”.

“Essere a Roma a testimoniare le nostre storie qui è una grande emozione – ha detto il direttore creativo della Maison Valentino, Pierpaolo piccioli -. Fare qualcosa per Roma vuol dire fare qualcosa per la nostra casa che è il palcoscenico quotidiano delle nostre attività. Noi sfiliamo a Parigi con la consapevolezza di essere romani – ha sottolineato -. Roma e l’atelier sono la nostra casa e il posto da cui tutto nasce e poi si muove nel mondo”. In occasione della sfilata due nuove palme per Piazza di Spagna, una cena alle Terme di Caracalla e il coinvolgimento dei giovani delle scuole di moda della Capitale ma anche “l’apertura straordinaria degli archivi storici dal 10 al 12 luglio a palazzo Miglianelli – ha concluso l’amministratore delegato della Maison Valentino, Jacopo Venturini -: dal 1959 al 1973. Ci si potrà iscrivere con un massimo di 40 persone all’ora per una visita guidata grazie alla quale si potranno ammirare vestiti privati visti poche volte che darà continuità alla maison, fondata nel 1960 e che adesso viene portata avanti con grande rispetto e amore il suo passato”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna