12 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Musei Vaticani: al via aperture notturne dal 20 aprile

tutti i venerdi' dalle 19 alle 23, ultimo ingresso ore 21:30.

I Musei Vaticani rinnovano l’appuntamento con le aperture notturne rendendosi accessibili anche la sera dal 20 aprile al 26 ottobre, tutti i venerdi’ dalle 19 alle 23, ultimo ingresso ore 21:30. L’apertura
straordinaria offre, in primo luogo, la possibilita’ di visitare i Musei del Papa in un orario inconsueto, lontano dai ritmi vorticosi dei circuiti del turismo di massa, diventando cosi’ uno spazio privilegiato per chi desidera beneficiare al meglio del patrimonio culturale che i Vaticani racchiudono. Un
momento ideale, dunque, per trarre ispirazione, istruzione e diletto dalla contemplazione dei capolavori custoditi nelle raccolte pontificie: l’agio di spazi meno affollati, la luce e il silenzio che la notte porta con se’ rendono i Notturni un’esperienza emozionante, uno spettacolo della conoscenza chevale la pena ripetere ogni anno.

Le aperture notturne esprimono, altresi’, l’attenzione dei Musei Vaticani verso il pubblico romano normalmente impegnato nelle attivita’ quotidiane durante i consueti orari di apertura del giorno: i cittadini della Capitale possono, una volta a settimana, riappropriarsi dei propri Musei, scrigno di tante opere che sublimano l’identita’ della Citta’ Eterna.

Il rinnovato accordo con Atac sigilla questo intento: esclusivamente durante le aperture serali, tutti i possessori della Metrebus Card e della e’Roma potranno acquistare, senza l’obbligo di prenotazione, un biglietto per la visita in notturna del venerdi’ al prezzo speciale di 17 euro.

L’agevolazione, estesa anche a un eventuale accompagnatore prevede, inoltre, la possibilità di accedere alle collezioni attraverso un ingresso riservato skip the line e di ricevere una copia dell’esclusivo dvd “Arte e Fede, i Tesori del Vaticano”, un suggestivo racconto per immagini di 2000 anni di storia della Chiesa e dell’arte.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014