Non solo spazzini, i detenuti potranno lavorare anche nei musei

Grazie alla convenzione siglata dal ministro della Cultura, Dario Franceschini, e dalla ministra della Giustizia, Marta Cartabia. Con l'accordo - il primo del genere firmato tra due ministeri - 52 siti culturali apriranno le porte a 102 persone, imputate per reati per i quali è prevista una pena di massimo quattro anni, impegnate nei lavori di pubblica utilità ai fini della messa alla prova: in caso di esito positivo, il reato si estingue

La Reggia di Caserta photo credit: Enzo Abramo

Non solo spazzini. Per i detenuti si apre la possibilità di svolgere i lavori di pubblica utilità anche nei luoghi della cultura, grazie alla convenzione siglata dal ministro della Cultura, Dario Franceschini, e dalla ministra della Giustizia, Marta Cartabia, nel dicastero di via del Collegio Romano.

Con l’accordo – il primo del genere firmato tra due ministeri – 52 siti culturali (come la Reggia di Caserta, la Pinacoteca di Bologna o il Palazzo Ducale di Mantova, decine di biblioteche e di archivi) apriranno le porte a 102 persone, imputate per reati per i quali è prevista una pena di massimo quattro anni, impegnate nei lavori di pubblica utilità ai fini della messa alla prova: in caso di esito positivo, il reato si estingue.

“È una convenzione di grande valore pragmatico, ma anche simbolico”, spiega Cartabia. “Parliamo di reati come furto, danneggiamento di beni culturali, omissione di soccorso, lesioni personali, stradali: l’opportunità che viene data risponde a un’idea della giustizia penale che non è solo detenzione”, ma anche “riparazione del danno inflitto alla collettività, una visione feconda e significativa insieme”. Non a caso “nella delega penale da poco approvata dal Parlamento questo istituto viene potenziato, estendendolo ai reati che prevedano una pena fino a sei anni, esclusi alcuni tipi”.

Attualmente sono 23.700 le persone messe alla prova e 8.600 coloro che svolgono lavori di pubblica utilità: “Esporli all’arte è un atto di grande civiltà”, aggiunge Cartabia, auspicando che intese di questo genere possano coinvolgere a breve anche altri ministeri.

“Sono tanti i luoghi della memoria e della bellezza messi a disposizione, in nome di una piena collaborazione a un’idea lanciata dalla ministra Cartabia”, aggiunge Franceschini. “Sono convinto che l’applicazione di questo istituto nei siti culturali darà riscontri positivi”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna