Roma: al via rassegna ‘Quo Vadis?’, cinema nel tempio di Venere

Dall'1 al 10 luglio, dieci titoli proiettati

Dieci film per raccontare il rapporto del cinema con la classicita’ romana, fra fedelta’ e tradimento, attenzione filologica e libera ispirazione, serieta’ e disimpegno. E’ la rassegna Quo Vadis? Al cinema nel cuore di Roma, promossa da Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale e dal Parco archeologico del Colosseo. Nello scenario suggestivo del Tempio di Venere, ogni sera dall’1 al 10 luglio sara’ proiettato un titolo diverso che mostri il fascino che l’antica Roma esercita da sempre sul cinema: i film saranno introdotti da esperti di storia antica, scrittori, critici e giornalisti.

“Il cinema – ha commentato il ministro della Cultura, Dario Franceschini – ha sempre avuto uno sguardo particolare su Roma antica, piu’ che su ogni altra civilta’ del passato, attingendo a piene mani sia dalla storia che dalla leggenda”. Le serate saranno “l’occasione per scoprire come il cinema ha visto, interpretato, usato e spesso ‘stravolto’ la storia, l’iconografia, i miti della classicita’. Un percorso tra divi antichi e contemporanei che va dai kolossal americani ai peplum italiani, da Fellini a Kubrick”, ha dichiarato Marta Donzelli, presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia.

Mentre per Alfonsina Russo, direttrice del Parco archeologico del Colosseo, “proiettare dei film nella cella del tempio di Venere affacciata sul Colosseo diventa un’occasione di incontro fra l’immaginario cinematografico, per il quale l’antichita’ costituisce fin dagli albori una fonte inesauribile di storie e temi a cui attingere, e uno straordinario monumento della Roma imperiale”. La rassegna, a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, attraversa oltre un secolo. Ad aprirla sara’ Ave, Cesare! (2016), in cui George Clooney e’ un attore che interpreta un centurione nella Hollywood degli anni ’50, mentre per la serata finale sara’ proposto il muto Quo Vadis? (1913), che con il suo successo oltreoceano ha sdoganato il formato del lungometraggio. Le altre pellicole sono Cleopatra (1963), Il primo re (2019), Dolci vizi al foro (1966), Fellini Satyricon (1969), Asterix e il segreto della pozione magica (2018), Scipione detto anche l’Africano (1970), Spartacus (1960) e Toto’ e Cleopatra (1963).

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna