Roma: eccezionale ritrovamento di reperti archeologici di epoca romana a Castel Gandolfo

Intervento dei carabinieri della compagnia

I reperti scultorei di rilevante interesse archeologico rinvenuti dai carabinieri a Castel Gandolfo

Un torno maschile e frammenti di statue. Il tutto, risalente all’antica Roma e adagiato sulla riva del lago Albano di Castel Gandolfo, è stato scoperto e sequestrato dai carabinieri. Le opere – si spiega – di sicuro interesse archeologico risalgono alla prima età imperiale.

Il sequestro ha riguardato quattro oggetti marmorei, tutti databili al I sec. d. C. La perizia del personale del ministero della cultura – soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma ha confermato l’impressione iniziale degli investigatori. I reperti in questione sono copie romane da originali ellenistici di un torso maschile nudo di Apollo Sauroctono, due frammenti di statue raffiguranti uomini togati ed una lastra decorativa.

Gli oggetti risultano in linea con le produzioni delle botteghe scultoree che erano nella zona dei Colli Albani che, nella prima età imperiale, era ricco di domus di proprietari facoltosi e ricche di pregevoli arredi scultorei. In ragione dell’oggettivo valore i reperti trovati saranno presi dal ministero della cultura.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna