Street Art/ Banksy continua a sorprendere

“Love in the Bin”, l’opera semidistrutta di Banksy, è battuta all’asta da Sotheby’s a Londra al prezzo record di 18,5 milioni di sterline (quasi 22 milioni di euro).

Lo street art più famoso al mondo di cui nessuno conosce l’identità, ma che nel 2010 è stato inserito dal Time nella lista delle 100 persone più influenti del mondo, ha di nuovo lasciato tutti di stucco. L’opera prima intitolata “Girl with Balloon” era stata semidistrutta durante la vendita sempre presso Sotheby’s nel 2018 dopo l’aggiudicazione alla cifra di quasi 1,3 milioni di euro lasciando tutti inorriditi e terrorizzati nel guardare in diretta il taglio della tela con un trita documenti nascosto dietro la cornice.

Banksy aveva agito in maniera dissacrante, come è sua caratteristica, attuando forse nel modo più forte quello che è il suo pensiero “L’arte è il più grande scherzo mai esistito”. Ma certamente grazie a questo formidabile scherzo l’opera, ribattezzata “Love in the Bin”, ha aumentato in modo esponenziale il suo valore raggiungendo ora a Londra, la cifra di 18,5 milioni di sterline (quasi 22 milioni di euro)

Il primo disegno della bambina che tende la mano verso il palloncino rosso a forma di cuore che per il vento le è sfuggito via, è apparso per la prima volta su un muro nella zona est di Londra in Clink Street, sotto il ponte della ferrovia, nel 2002, per poi essere riprodotto all’infinito su diversi materiali, riconosciuta tra le opere più significative del XXI secolo. Realizzato come tutte le opere di Banksy utilizzando la tecnica dello stencil, che rende veloce ed efficace la pittura di grandi dimensioni su muratura, è colorata di nero con il solo palloncino di color rosso. La scritta “There is always hope” è il messaggio semplice e potente dell’artista.

L’artista stupisce con le sue opere semplici, ma evocative dai forti messaggi sul potere, la guerra, la ricchezza e la povertà, gli animali, la globalizzazione, il consumismo, dimostrando che l’arte deve oggi racchiudere profondi significati, cercando una solida identità.

 

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna