Tornano Giornate Europee Patrimonio, a Roma mille occasioni

Aperture straordinarie e visite guidate, il programma è ricco

Aperture straordinarie, visite guidate diurne e serali, convegni, workshop, produzioni digitali, tutto all’insegna dell’accessibilita’ della cultura. E’ il ricco programma che la Soprintendenza Speciale di Roma propone nelle giornate del 25 e del 26 settembre per le Giornate Europee del Patrimonio, il cui tema quest’anno e’ Patrimonio culturale: tutti inclusi!

“Il tema di quest’anno delle Giornate Europee del Patrimonio ci spinge a riflettere e a mettere sempre di piu’ l’accessibilita’ al centro del patrimonio culturale – dice Daniela Porro, Soprintendente Speciale di Roma – negli ultimi anni abbiamo potenziato i servizi e gli strumenti per rendere accessibili e inclusivi i luoghi della cultura. Lo abbiamo fatto con un importante accordo con la Lega del Filo d’oro, installando pannelli in Braille alle Terme di Caracalla, o realizzando il percorso visivo-tattile della Tomba di Giulio II a San Pietro in Vincoli. La nuova frontiera per la Soprintendenza e’ coinvolgere le persone disabili nella progettazione di una nuova inclusivita’”.

Sara’ proprio il tema dell’accessibilita’ della cultura al centro di Speciale per TUTTI. Storie di inclusione tra passato e presente, l’evento di due giorni che si svolgera’ al Drugstore Portuense. Prendendo spunto dall’esposizione della Tomba 132 della necropoli romana di Castel Malnome, una storia di inclusione si analizzera’, assieme a studiosi, operatori, associazioni e visitatori, il ruolo che i luoghi della cultura possono avere nella crescita e nella formazione culturale di ognuno.

La necropoli di Castel Malnome tra il I e il III secolo dopo Cristo accoglieva una piccola comunita’ di persone umili, per la gran parte lavoratori nelle vicine saline dell’agro portuense (ex Stagni di Maccarese). La solidarieta’ tra i suoi membri e’ riflessa nella storia raccontata dalla sepoltura 132, la tomba di un uomo nato con una rarissima malattia genetica, la signazia, ovvero con la mandibola e la mascella saldate. E’ stato grazie alle cure e alla solidarieta’ della sua comunita’ che invece di morire ancora in fasce riusci’ a raggiungere l’eta’ media di vita dei suoi contemporanei.

Agile, inclusiva e accessibile sara’ invece la produzione digitale del Servizio Educativo della Soprintendenza, realizzata ad hoc per il tema delle Giornate: un podcast dedicato all’avvincente storia del Mose’ e della Tomba di Giulio II, che sara’ fruibile sul canale ufficiale Spotify della Soprintendenza Speciale di Roma. Saranno poi moltissime le offerte per chi vorra’ visitare i siti archeologici e i luoghi della cultura della Soprintendenza. Tutti siti accessibili o parzialmente accessibili, ubicati tra il centro e le aree piu’ periferiche. Come la fortezza michelangiolesca di Tor San Michele a Ostia o l’area archeologica di Gabii, oppure i siti che si trovano lungo la Via Flaminia, come la Tomba dei Nasoni, la Villa di Livia e l’Arco di Malborghetto.

E ancora l’area archeologica di Santa Croce in Gerusalemme e il Tempio di Minerva Medica, fino al Nuovo Mercato di Testaccio, il tutto arricchito da visite guidate a cura degli archeologi della Soprintendenza, di Coopculture o di associazioni culturali del territorio.

Apertura notturna invece alle Terme di Caracalla, sabato 25 settembre, durante la quale sara’ ancora possibile visitare i sotterranei. Tutte le visite guidate sono a numero chiuso e contingentato, previa prenotazione obbligatoria. Si richiede il Green Pass. Tutte le info su www.coopculture.it e su www.soprintendenzaspeciale.it

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna