torna su
23/05/2019
23/05/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

La Regione Lazio vende il San Giacomo per 61 milioni

Fassina: “Svenduto. Zona senza presidio socio-sanitario”

Avatar
di G.I. | 2019-01-11 11/01/2019 ore 18:30

La Regione Lazio vende l’ex ospedale San Giacomo. E’ stato, infatti, approvato, con determinazione n. G15035 del 22 novembre 2018, lo schema di atto notarile per alienazione dell’ex Ospedale San Giacomo chiuso dal 2008. Andrà al Fondo immobiliare “i3- Regione Lazio” per 61 milioni, di cui 17,8 versati in denaro nelle casse regionali e il restante mediante sottoscrizione da parte della Regione di 62 quote del Fondo stesso da 695.995,156 euro ciascuna.

“La Regione Lazio ha dato seguito alla svendita dell’ex ospedale S. Giacomo per 61 milioni di euro. Nonostante l’opposizione del Campidoglio e dei comitati dei cittadini, nonché degli eredi del prezioso immobile, la giunta regionale ha compiuto una scelta che porta a conseguenze disastrose. Non solo la zona rimarrà priva di un presidio socio-sanitario, ma si apre la porta a un’ulteriore speculazione nel cuore del centro storico, considerata anche la norma, contenuta nella legge di bilancio appena approvata dal Parlamento, che autorizza il cambio di destinazione d’uso degli immobili pubblici da privatizzare”. Lo afferma il consigliere di Sinistra per Roma e deputato LeU, Stefano Fassina.

“L’immobile fu donato alla città dal Cardinale Salviati a condizione che svolgesse funzioni di ospedale – evidenzia -. Sosteniamo il ricorso degli eredi e chiediamo, ancora una volta, al Presidente della Regione di fermarsi. Chiediamo soprattutto alla Sindaca Raggi di intervenire con tutti gli strumenti a disposizione dell’amministrazione capitolina”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
790 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014