torna su
23/09/2019
23/09/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Raggi su Stadio Roma, “prima opere poi campo di calcio”

Oggi un nuovo tavolo tra Campidoglio e Società sul futuro impianto

Avatar
di Redazione | 2019-06-5 5/06/2019 ore 9:30

Rientra nel vivo il dossier dello stadio della Roma a Tor di Valle. Dopo mesi di stand-by, almeno apparente, e dopo le indiscrezioni su un possibile ‘trasferimento’ dell’impianto a Fiumicino, comune vicino a Roma, oggi si terrà un nuovo tavolo tra Campidoglio e Società sul futuro impianto.

Alla vigilia dell’appuntamento la sindaca Virginia Raggi avverte: “Il mio unico interesse è che la As Roma mantenga gli impegni presi con la città. Prima vengono le opere pubbliche per i cittadini, poi il campo di calcio”. Il messaggio dunque è che prima vanno fatte le opere a servizio della mobilità, vitali per la zona, e poi lo stadio.

“Prima si uniscono via del Mare e via Ostiense, prima si interviene per potenziare la ferrovia Roma-Lido e poi si fa lo stadio – chiarisce la prima cittadina – Sono le prescrizioni della conferenza dei servizi alla quale tutti si devono attenere. Mi auguro che domani la Roma porti una proposta definitiva e concreta”.

E sull’ipotesi della realizzazione dello stadio giallorosso a Fiumicino Raggi taglia corto: “Basta chiacchiere. E’ in programma un tavolo tecnico sullo stadio tra uffici del Campidoglio e società”.

Il primo rallentamento del dossier in Campidoglio si era registrato dopo la maxi inchiesta che ruotava attorno allo Stadio della Roma, con la sindaca che aveva chiesto approfondimenti con una due diligence interna su tutti gli atti che hanno portato a definire il progetto e una relazione ad hoc sulla mobilità della zona da parte del Politecnico di Torino.

Il secondo rallentamento è arrivato con l’arresto del presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito: dubbi tra i pentastellati del municipio competente e l’ipotesi di riportare in Aula l’interesse pubblico. Il punto che fa discutere è quello dei tempi per realizzare le opere pubbliche. Per questo il Comune è tornato a ribadire che non acconsentirà all’apertura dell’impianto senza il completamento del trasporto su ferro con l’adeguamento della Roma-Lido che dovrebbe diventare una sorta di metro leggera.

Del resto il report del Politecnico di Torino aveva evidenziato che senza un intervento sulla mobilità in caso di evento sportivo si sarebbe verificato “un quadro catastrofico con punte di oltre 8.500 veicoli orari per singola direzione sul Gra”. Per l’ammodernamento e il potenziamento della Roma Lido la Regione Lazio ha stanziato 180 milioni di euro e altri 40 arrivano da Roma Capitale. I soldi insomma ci sono. (fonte Ansa)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21106 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014