Addio alle botticelle, stop a nuove licenze

sì da commissione Comune nuove regole. Possibilità di convertire licenze in taxi

Non ci saranno più nuove botticelle a Roma. “Non emetteremo più licenze per le botticelle. Ci siamo già confrontati con gli uffici e tecnicamente il dipartimento Mobilità può non emetterne più. È un grosso traguardo, una pagina storica, è un segno molto importante sulla tutela animale”. A dirlo il presidente della commissione comunale all’Ambiente Daniele Diaco che oggi ha dato parere positivo al regolamento sulle botticelle.

In pratica, se tutti i vetturini convertiranno la propria licenza in taxi le 32 botticelle che esistono adesso a Roma spariranno e questo, sommato alla volontà dell’amministrazione di non emettere più licenze, porterà alla scomparsa delle storiche carrozzelle. Più in generale, ha aggiunto Diaco, “la volontà politica è quella di presentare un indirizzo politico per chiedere al governo una modifica della legge nazionale 21/92 per eliminare per tutti I comuni italiani il servizio a trazione animale. È chiaro che questo governo ha l’interesse di farlo perchè nella scorsa legislatura il m5s ha presentato un disegno di legge in tal senso e noi lo porteremo avanti con la maggioranza che governa questo paese.

Con il voto favorevole della commissione capitolina Ambiente si accorcia, dunque, il percorso verso l’approvazione del nuovo regolamento che disciplina una parte di trasporto pubblico non di linea, ovvero le ‘botticelle’. Il regolamento, che ora dovrà avere il parere della commissione Mobilità e arrivare in aula Giulio Cesare, nelle prime due settimane di ottobre, per il si’ definitivo, prevede, tra l’altro, lo spostamento delle storiche carrozze trainate da cavalli solo in alcune delle ville di Roma e la possibilità di convertire la licenza da vetturini in quella da tassisti. “Siete come i fascisti: decidete le cose di nascosto, da soli, tra voi. Siete animalisti incalliti, così uccidete una categorie e una tradizione”, protestano i vetturini. Le nuove regole prevedono anche uno stop della circolazione delle carrozze, da giugno a settembre, tra le 11 e le 18, il divieto di utilizzare cavalli da trotto ma solo da tiro e l’istituzione di una nuova commissione veterinaria che deve controllare l’idoneità del cavallo a carico dei vetturini (diversamente da quanto accadeva in passato), “ma porteremo un emendamento in aula perché le spese rimangano a carico dell’amministrazione” ha spiegato la consigliera del Movimento 5 Stelle Simona Ficcardi.

La Commissione ha dato parere favorevole grazie al voto a sostegno del regolamento dei cinque consiglieri della maggioranza e con I voti contrari del consigliere di Fdi Andrea De Piamo e di Fi Davide Bordoni. “Questo regolamento – ha spiegato De Priamo – è un’abolizione indiretta delle botticelle che hanno una tradizione secolare. Così gettiamo nella disperazione decine di famiglie e invece dovremmo lavorare per un percorso che le aiuti”. E il consigliere Bordoni minaccia di presentare svariati emendamenti in aula “perché le botticelle non possono sparire”. Contestualmente alla discussione in Consiglio comunale si insedierà una commissione nella quale I tecnici e I politici si confronteranno con la categoria per decidere eventuali modifiche.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna