Altaroma si trasforma in una fondazione, anno zero per moda romana

Istituzioni insieme per la rinascita a presentazione Showcase

Altaroma diventera’ una fondazione, uno strumento agile che permettera’ l’ingresso di altri capitali, oltre al sostegno dei soci storici, Roma Capitale, Camera di Commercio di Roma (Cciaa), Regine Lazio, Ice, per la realizzazione di grandi eventi, per una programmazione poliennale delle manifestazioni di moda e naturalmente per il sostegno ai giovani. L’annuncio e’ stato dato oggi dai soci storici di Altaroma, nel corso della presentazione, nella Ex caserma Guido Reni, sede delle sfilate estive, della decima edizione del progetto di Showcase, esposizione che connette i giovani designer, stavolta 68, con buyer e giornalisti.

Presenti alla conferenza stampa, la presidente di Altaroma Silvia Venturini Fendi, l’assessore della Regione Lazio allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Universita’, Ricerca, Startup e Innovazione, Paolo Orneli; l’assessore al Turismo Grandi Eventi Sport e Moda del Comune di Roma, Alessandro Onorato, il presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti.

” Con Altaroma – ricorda l’assessore Orneli – insieme agli Spazi Attivi di Lazio Innova, abbiamo portato avanti, prendendo spunto da Showcase, un lavoro di squadra importante per la promozione dei giovani talenti della moda. Questo lavoro di squadra continuera’ fino alla trasformazione di Altaroma in Fondazione – annuncia – per sostenere in modo strutturale l’ecosistema dell’innovazione regionale. La Fondazione sara’ strumento per fare moda e per fare investimenti. Finalmente Roma capitale sara’ protagonista. Siamo contenti per la rinnovata collaborazione con la Regione che continuera’ a investire. Tra pnrr e nuovi fondi europei arriveranno tra i 17 e i 24 milioni di euro che servono anche all’innovazione della moda, al centro delle traiettorie di sviluppo e grazie al ruolo di Altaroma che si trasformera’ in fondazione, sara’ l’occasione per attirare l’interesse che merita questa citta’, per attirare talenti, mercati e turismo. Entro l’anno la sua realizzazione”.

“Per anni a Roma la moda – sostiene l’assessore Onorato – ha vissuto il tempo del Medioevo. Sono stati anni d’inspiegabile trascuratezza. Tempi cupi seguiti alla grande stagione dei divi di Hollywood, che sceglievano le sartorie romane diventando testimonial della creativita’ e dell’eleganza di Roma nel mondo, dopo la Dolce Vita, con le sue icone universali di stile, dopo i favolosi anni ’80 fino al 2000, con Donne sotto le stelle. Dobbiamo ringraziare Regione, Camera di Commercio e Altaroma che hanno tenuto in piedi il sistema, nonostante lo scetticismo di molti e le innegabili difficolta’. Oggi finalmente viviamo un nuovo inizio. Un vero e proprio Rinascimento, che restituisce a Roma il ruolo che le spetta sul palcoscenico della moda internazionale. L’iconica sfilata che ha segnato il ritorno di Valentino in piazza di Spagna, accendendo i riflettori del mondo sulla Grande Bellezza della nostra citta’, non restera’ un episodio isolato. Abbiamo collaborato con la maison per rilanciare l’immagine di Roma e tutto il sistema della moda romano. La citta’ in questi giorni e’ contaminata da eventi diffusi: dai Mercati di Traiano agli appuntamenti del fashion district di Altaroma, dalla sfilata questa sera di Who is on next? che torna in piazza del Campidoglio all’appuntamento in via Veneto il prossimo 28 luglio. Stiamo lavorando ad una programmazione pluriennale che tenga insieme grandi eventi, premi per incoraggiare i nuovi talenti e sostegno alle attivita’ di formazione. Vogliamo generare punti di riferimento, fashion lab, spazi tutti l’anno per incontri, seminari, esposizioni. Vogliamo coinvolgere i grandi nomi internazionali della moda, romani di nascita o romani d’adozione che hanno studiato in una delle grandi scuole internazionali di moda e design che hanno sede qui, che amano Roma e che vanno coinvolti, perche’ nessuno lo ha fatto finora inspiegabilmente”.

“Il sistema moda a Roma- conclude Tagliavanti comprende quasi 14.500 imprese, di cui 2.300 artigiane. Nel primo trimestre 2022 ha realizzato l’export piu’ alto di sempre con 251 milioni di euro, +39% rispetto al 2019, prima della pandemia”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna