Ama chiese due nuovi cimiteri nel 2017, documento inchioda Campidoglio

In una memoria di Giunta di quattro anni fa l'impegno a realizzare due strutture al Collatino e a Ostia. Presentata denuncia in Procura

cimitero Flaminio
cimitero Flaminio

Non solo la carenza di forni per soddisfare le richieste di cremazioni, in aumento da 15 anni. Ma anche l’impegno del 2017 dell’amministrazione Raggi per due nuovi cimiteri, previsti ma mai realizzati: uno al Collatino e uno sul litorale di Ostia. E’ una memoria di giunta del 2017 ad inchiodare l’amministrazione pentastellata alle proprie responsabilita’ per quanto riguarda l’emergenza cimiteriale che sta vivendo la citta’ di Roma in questi mesi. Una crisi che in questi giorni e’ tornata all’attenzione di tutti dopo l’intervento del parlamentare Andrea Romano che, a due mesi dalla morte del figlio, non e’ ancora riuscito a trovare un loculo dove far riposare le ceneri del ragazzo prematuramente scomparso. Il documento, di cui l’agenzia Dire e’ entrata in possesso, parla chiaro.

Si tratta della memoria di giunta 54/2017, protocollata 24192/17, che conteneva “gli indirizzi strategici per la manutenzione e l’implemetanzione dei cimiteri capitolini”. Gia’ a pagina 5 il documento lanciava l’allarme: “È previsto in Italia, nei prossimi decenni, un incremento della mortalita’ con ritmi nettamente superiore agli attuali. Un fenomeno da ricondurre alla crescita demografica e al baby boom che ha interessato tutti i Paesi europei dopo la Seconda guerra mondiale fino al termine degli anni ’60”. Per questo motivo AMA aveva determinato due scenari in risposta. Uno a breve-medio periodo, con la manutenzione e l’ampliamento dei campi santi esistenti e uno a lungo periodo che prevedeva la realizzazione di due nuovi cimiteri. Sulla Collatina e sul litorale romano. Attenzione, pero’. Per lungo termine il documento chiariva un arco temporale di 5/10 anni. Ne sono passati quasi 5, e niente, su questo fronte, e’ stato fatto. E questo nonostante l’amministrazione conoscesse bene i rischi derivanti dal prossimo aumento della mortalita’.

In particolare lo scenario a lungo termine prevedeva la realizzazione di due cimiteri. Il primo, sulla Collatina, da 300mila metri quadrati per almeno 100mila salme destinate per il 46% in loculi, il 10% a tombe private, il 16% a inumazioni e il 28% a ossari e aree cinerarie. Di questo campo santo, al momento, non v’e’ traccia. Ma non si vede all’orizzonte nemmeno un cantiere per la sua costruzione. Il secondo cimitero sarebbe dovuto essere realizzato sul litorale. Il documento non indica l’area precisa ma vagheggia il territorio del X Municipio, in zona Ostia. In questo caso si parla di un campo santo di 100mila metri quadrati per 33mila salme, destinate tra loculi, tombe private, zone cinerarie e inumazioni nelle stesse identiche percentuali del cimitero Collatino. Anche in questo caso, pero’, nessuna novita’ rispetto all’avvio dei lavori. Ma anche sul piu’ facile terreno degli interventi a breve e medio periodo l’amministrazione non ha centrato molti tra gli obiettivi che si era prefissata. La stessa memoria di giunta del 2017 indicava infatti la redazione di un piano regolatore dei cimiteri entro due anni, il recupero di spazi nei campi santi esistenti, sempre entro due anni, l’ampliamento dei cimiteri minori e l’implementazione dei forni crematori (con due o tre nuove linee), per altro necessita’ indicata da AMA ancora prima, ben nel 2015.

Nello specifico il piano prevedeva 215mila metri quadrati di superifice aggiuntiva nei vari cimiteri: 110 mila metri quadrati al Laurentino, 30.000 a San Vittore, 5.000 a Cesano, 15.000 al Santa Maria di Galeria e 55.000 a Castel di Guido. Il tutto per un totale di poco meno di 72mila salme. Molti tra questi interventi sono rimasti lettera morta. E, col senno di poi, hanno pesato non poco nel determinare l’attuale emergenza cimiteriale, causata dalla suddetta assenza di posti nei cimiteri, dalla scarsa capacita’ dei forni esistenti di fare fronte alla richiesta di cremazione in fortissimo aumento (dalle 3.711 del 2001 alle circa 14mila del 2015 fino alle 16mila attuali, il tutto su 30,000 morti annui in media), e dal picco di decessi di questi mesi a causa del covid. La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Per tutti questi motivi alcuni consigieri comunali si sono mossi presso le varie magistrature. E’ il caso, ad esempio, di Francesco Figliomeni, di Fdi, che ha presentato nel 2019 due esposti presso la Procura di Roma e la Corte dei Conti. “La memoria del 2017- ha spiegato proprio Figliomeni raggiunto dall’agenzia Dire per un commento- arriva proprio dopo alcune mie interrogazioni all’allora assessora all’Ambiente con delega ai servici cimiteriali, Pinunccia Montanari. Allora feci un accesso agli atti e grazie a questo sono entrato in possesso anche di uno scambio tra AMA e Raggi in cui si evidenziavano tre problemi: il primo sulla manutenzione, il secondo sulla necessita’ di implementare le cremazioni ed un terzo sulla sicurezza, visti i numerosi atti vandalici e furti di opere d’arte, soprattutto al Verano. I due nuovi cimiteri al Collatino e a Ostia? Non ne sappiamo nulla. Ricordo, pero’, che questi non sono stati solo un annuncio in conferenza stampa ma opere approvate da tutta la giunta Raggi. Insomma non e’ stato fatto nulla di tutto cio’, ne i due nuovi cimiteri, ne l’ampliemtno del Laurentino, ne la manutenzone dei forni di Prima Porta”. La colpa dei mancati interventi? Nessuno al momento ci mette la faccia. Certo non ha aiutato la situazione di AMA, con i bilanci degli ultimi 4 anni non approvati per tutta il tempo della consiliatura Raggi, fino al voto dell’aula Giulio Cesare poche settimane fa. Forse troppo tardi.

Intanto arriva all’attenzione dei magistrati della Procura di Roma il caos legato all’emergenza sepolture e cremazioni nella Capitale. Nei giorni scorsi l’Efi, l’Associazione Eccellenza Funeraria Italiana, sigla che raccoglie gli operatori delle onoranze funebri, hanno depositato un esposto a piazzale Clodio: nell’atto, in base a quanto si apprende, si ipotizzano i reati di omissione di atti di ufficio e sottrazione di cadavere. L’incartamento sara’ quindi presto a disposizione dei magistrati di piazzale Clodio che dovranno valutare per quale profilo penale procedere e incardinare gli accertamenti. Ieri il deputato del Pd, Andrea Romano, via twitter, aveva raccontato il suo dramma familiare, l’impossibilita’ da due mesi di procedere con la sepoltura del figlio. Oggi la sindaca Virginia Raggi, in un post su Facebook, ha rivelato di avere chiamato Romano per “esprimergli vicinanza” e di essersi “scusata pubblicamente con una nota perche’ ho ritenuto giusto farlo”. La sindaca ha inoltre “convocato l’azienda che cura i cimiteri per chiedere cosa sia accaduto. Al di la’ delle motivazioni – ha spiegato – dei ritardi legati all’emergenza Covid, mi e’ stato assicurato un intervento straordinario per fare fronte all’aumento del numero di sepolture”. Dal canto suo Ama ha annunciato di avere “snellito” l’iter burocratico delle cremazioni per abbreviare i tempi. “D’intesa e in coordinamento con Roma Capitale, da ‪lunedi’ 26 aprile‬ le pratiche amministrative – afferma l’azienda in una nota – propedeutiche alla cremazione in impianti di altri territori saranno gestite e autorizzate direttamente dal Dipartimento Servizi Delegati capitolino, con un unico passaggio”. In questo modo gli utenti “potranno presentare tutta la documentazione richiesta presso gli sportelli dello stesso Dipartimento, abbreviando notevolmente i tempi di attesa per questa tipologia di operazione per la quale gia’ da dicembre, Roma Capitale ha provveduto alla sospensione, fino a cessate esigenze, della tassa prevista. La misura permettera’, contemporaneamente, di alleggerire la giacenza in camera mortuaria e di abbreviare i tempi anche per le cremazioni da svolgere nel crematorio di Prima Porta”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna