Bankitalia: Roma prima in Italia per produzione di rifiuti

549kg per abitante, supera sia la media nazionale che la media di Milano e Napoli

Cassonetti pieni

A Roma la produzione dei rifiuti è molto elevata a causa del forte impatto esercitato dai flussi turistici e dal pendolarismo. La produzione pro-capite di Roma Capitale nel 2020 è pari a 549kg per abitante, e supera sia la media nazionale che la media di Milano e Napoli, gli altri due comuni più popolosi d’Italia. La produzione media del Lazio (492kg) è in linea con quella nazionale. Lo segnala Banca d’Italia nel suo rapporto annuale sull’economia del Lazio, che registra come anche la raccolta differenziata sia inferiore alla media, quella porta a porta – che consente di ottenere rifiuti differenziati di maggiore qualità – è pari ad un terzo di quella di Milano.

Inoltre, il Lazio ha un numero di impianti di trattamento dei rifiuti urbani inferiore rispetto alla media nazionale ma anche al Mezzogiorno. Il deficit è particolarmente elevato per gli impianti dedicati al trattamento dei rifiuti organici. Il comune che più risente di questa problematica è Roma, che però può beneficiare della possibilità offerta dal Pnrr con la partecipazione del Comune ai bandi per 10 nuovi centri di raccolta, 2 nuovi impianti per la frazione organica e 2 per la selezione e valorizzazione di carta e plastica.

Riparte turismo, ma ancora calo stranieri

L’allentamento della morsa del covid fa ripartire il turismo in Lazio ma le presenze di stranieri continuano a mostrarsi deboli. Secondo il rapporto della Banca d’Italia sulle economie regionali, lo scorso anno i flussi di turisti italiani hanno mostrato un “buon recupero” (+25,1%). Ma per quello che riguarda gli stranieri le presenze sono ancora in diminuzione (-29,7%). La fotografia del bimestre marzo-aprile di quest’anno “lascia comunque ben sperare”, come hanno spiegato i responsabili di Bankitalia, poiche’ c’e’ stata una forte crescita delle presenze. Il rapporto della Banca d’Italia avverte tuttavia che i livelli sono ancora lontani da quel 2019, del 38% per gli italiani e del 66% per gli stranieri. In particolare nel 2021 gli arrivi nella strutture alberghiere della Citta’ metropolitana di Roma, che costituiscono circa i 9 decimi del totale regionale, dopo il forte calo dell’anno precedente sono cresciuti del 12,1%, le presenze sono state sostanzialmente stazionarie. Sempre lo scorso anno la spesa a prezzi correnti dei visitatori stranieri in Lazio e’ aumentata di circa il 10%, dopo il forte calo dell’anno precedente.

Redditi famiglie +3,7% nel 2021, risaliti consumi

Il reddito delle famiglie nel Lazio è cresciuto del 3,7% nel 2021, soprattutto grazie all’aumento dell’occupazione dipendente e risulta del 6% superiore alla media nazionale. L’incremento in termini reali, seppur frenato dall’aumento dell’inflazione nella seconda metà del 2021, ha consentito di far recuperare i livelli di reddito reale del 2019. Lo rileva la Banca d’Italia nel rapporto annuale sull’economia del Lazio. I consumi sono cresciuti più del reddito, la propensione al risparmio delle famiglie è tornata quindi a ridursi, dopo che nelle fasi più critiche del 2020 era aumentata anche per finalità precauzionali. In parte questa dinanica di accumulo di risparmio, specialmente in liquidità si è perà trascinata anche nel 2021. Gli aumenti dei prezzi hanno colpito particolarmente le famiglie con i livelli di consumo più bassi, si legge, sulle quali incidono di più le voci di spesa maggiormente interessate dai rincari, come i beni alimentari e l’energia. Bankitalia rileva inoltre che nel Lazio la ricchezza netta pro capite resta superiore alla media nazionale, del 17% circa ma guardando ai livelli del 2010 è in netta riduzione punto su questo sia il valore superiore alla media , sia la riduzione degli ultimi anni sono prevalentemente collegati all’andamento dei prezzi dell’immobiliare abitativo e delle case virgola che nel Lazio risultano superiori alla media ma hanno subito una flessione che nell’ultimo biennio ha visto segnali di inversione.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna