23 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Blitz a sorpresa della Raggi a Tor di Valle

La sindaca ha presentato il nuovo progetto, “spiazzando” anche il costruttore Parnasi

Lorenzo D’Albergo e Francesca Ferrazza per La Repubblica Roma

 

Ormai si potrebbe soprannominare “Tour di Valle”, visto che l’area su cui dovrebbe sorgere il nuovo stadio della Roma si è trasformata in una specie di vetrina, in cui far sfilare giornalisti, politici e dirigenti. L’ultimo illustre passaggio è toccato a Virginia Raggi, che spiazzando un po’ tutti, ha deciso ieri mattina — poche ora prima della presentazione del nuovo progetto dello stadio della Roma da parte dei progettisti di Eurnova — di visitare la zona, per un sopralluogo improvviso, che ha spiazzato sia la Roma che l’entourage del costruttore Luca Parnasi. Un segnale letto comunque come positivo: a distanza di poco più di due mesi dall’intesa tra il club giallorosso e la sindaca M5S sulla base di un progetto rivisitato che prevede la scomparsa delle tre torri di Libeskind, l’inquilina del Campidoglio ha deciso di dare un’occhiata di persona alle condizioni di Tor di Valle. Approfittando del fatto che l’area è piuttosto vicina alla sede dell’assemblea degli azionisti di Acea, Raggi si è fatta accompagnare dal suo staff lì dove dovrebbe sorgere l’impianto sportivo.

 

La visita della prima cittadina arriva a ridosso dell’importante decreto legge approvato dal Senato (“disposizioni urgenti in materia finanziaria” ), soprannominato “norma salva Roma”. Con questa novità legislativa, si facilita la realizzazione di nuovi stadi, grazie a un sostanziale snellimento burocratico (la conferenza dei servizi potrà costituire adozione di variante allo strumento urbanistico comunale) e soprattutto alla possibilità di prevedere nel progetto anche la costruzione di immobili con destinazione d’uso diversa da quella sportiva, “complementari e/o funzionali al finanziamento e alla fruibilità dell’impianto”. La norma modifica la legge sugli stadi del 2013, facendo sparire il passaggio precedentemente specificato riguardo a una “esclusione della realizzazione di nuovi complessi residenziali”. Questo non vuol dire dare il via a una cementificazione selvaggia, ma sembra almeno agevolare i prossimi passaggi del progetto giallorosso.

 

Ieri il nuovo progetto è stato finalmente depositato negli uffici dell’Eur del dipartimento Urbanistica. A questo punto l’iter è già fissato: entro il 15 giugno, il nuovo masterplan passerà prima per le commissioni consiliari competenti (urbanistica e trasporti) e poi nei municipi interessati, ex circoscrizione IX in testa. A quel punto, dopo aver messo nero su bianco eventuali osservazioni e modifiche, toccherà di nuovo alla giunta riunirsi su Tor di Valle. La delibera del team Raggi verrà quindi portata in aula Giulio Cesare, all’attenzione del presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito (che proprio ieri si lamentava per conto del Comune di non aver ancora ricevuto tutta la documentazione dai proponenti) e della maggioranza grillina. A quel punto rimarrà da superare soltanto lo scoglio del voto in consiglio comunale.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014