Campidoglio/Giunta: prime ipotesi, Ranucci per Acea

I nodi sono il Bilancio e i tecnici. Nel centrodestra resta ancora incerta la presenza di Michetti in Consiglio Comunale 

Tra i pezzi del puzzle che servono a completare la giunta ce n’è uno che al sindaco Roberto Gualtieri sta particolarmente a cuore: il Bilancio. Per riempire la casella – scrive ‘La Repubblica’ –  si pensava a Ernesto Maria Ruffini, direttore dell’Agenzia delle entrate dal 2017 al 2019 e poi di nuovo nel 2020 quando proprio Gualtieri, allora alla guida del Tesoro, lo ha fatto tornare in carica.

L’idea è però tramontata. Stipendio basso, rischi alti: convincere i tecnici non è semplice. In tutto dovrebbero essere sei, come quelli riservati ai politici: la ex presidente del I municipio Sabrina Alfonsi è data per certa, mentre salgono le quotazioni di Michela Cicculli (Sinistra civica ecologista). Lo stesso vale per un altro ex minisindaco, Giovanni Caudo e per il consigliere regionale Eugenio Patanè che potrebbe guidare i Trasporti.

Ieri Gualtieri ha incontrato Alessandro Onorato che ha coordinato la lista civica e dovrebbe avere un posto come Monica Lucarelli. Alla regia della civica ha lavorato anche Raffaele Ranucci, già senatore Pd vicino alla famiglia Caltagirone, che ha un peso non indifferente in Acea: il suo nome, secondo ‘’La Repubblica’’,  infatti gira per la delicata partita della presidenza della multiutility.

Anche il centrodestra è a caccia dei suoi e in particolare di Enrico Michetti. Dopo la sconfitta è sparito dalla circolazione, ma resta il nodo della sua presenza in consiglio comunale. Fratelli d’Italia sarebbe intenzionata a voltare pagina e potrebbe chiedere all’avvocato di insediarsi per qualche mese, con le dimissioni già pronte sul tavolo. Sempre che Michetti sia disponibile.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna