Campidoglio/ Gualtieri: al via riordino partecipate, candidature sul sito

Da anni attraversano una fase di criticità contabile.

E’ iniziata in Assemblea Capitolina la discussione della delibera approvata dalla giunta contenente gli indirizzi per le nomine nelle societa’ partecipate. Il gruppo Roma Capitale dispone di oltre 20 partecipazioni tra societa’ possedute al 100% e aziende di cui detiene pacchetti azionari. Diverse partecipate del Campidoglio da anni attraversano una fase di difficolta’ contabile.

“Questo e’ un passaggio importante, dal 1997 non venivano approvati degli indirizzi sulle nomine nelle partecipate. Da qui l’esigenza di dare indirizzi chiari e conformi. Attraverso questi indirizzi si vogliono valorizzare i principi di trasparenza e merito”, ha detto Roberto Gualtieri intervenendo in Aula.

Il sindaco ha specificato che “l’amministrazione provvedera’ a dare adeguata informazione circa la scadenza degli organi degli enti sulla pagina del sito dedicata alle societa’ partecipate del gruppo Roma Capitale. Questo consentira’ ai soggetti interessati di presentare direttamente la propria candidatura, fermo restando la possibilita’ delle amministrazioni di pubblicare un avviso ad hoc. I curricula saranno inseriti in un elenco unico generale dal quale sara’ possibile attingere per individuare i profili per i requisiti di volta in volta richiesti. Si tratta di un elenco aperto aggiornato almeno una volta all’anno. I curricula e la qualita’ dei profili coinvolti saranno il metro di giudizio che dovra’ orientare le nostre scelte”.

Per Gualtieri la delibera in discussione “e’ il primo passo di un percorso di riorganizzazione complessiva delle societa’ partecipate”. Il sindaco evidenzia che si tratta di “un percorso in cui non mancano rilevanti criticita’, come evidenziato anche dalla Corte dei Conti”. Poi aggiunge: “Alcune questioni da dirimere hanno grande importanza. Penso all’esigenza di allineare i tempi di approvazione dei bilanci e delle linee guida dei contratti di servizio. Alcuni esempi sono davvero eclatanti: basta ricordare come una societa’ importante come Farmacap non approva i bilanci dal 2013”.

Tra i prossimi passi in materia di aziende comunali il sindaco elenca “un nuovo regolamento delle societa’ partecipate, che dovra’ rafforzare il controllo analogo e la capacita’ di indirizzo strategico da parte dell’amministrazione”. E si dice convinto che “le societa’ partecipate potranno riuscire a garantire efficienza e servizi di qualita’ ai cittadini”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna