Casa: Istat, aumentano i prezzi nel Centro Italia, eccezione Roma

Nella Capitale calo dello 0,5%. Crescita rallenta a Milano

Nel secondo trimestre 2021, i prezzi delle abitazioni continuano a registrare nel Nord-Ovest e nel Nord-Est del Paese tassi tendenziali positivi anche se in decelerazione rispetto al trimestre precedente (rispettivamente da +1,8% a +0,1% e da +2,3% a +0,3%). Lo precisa l’Istat nella nota sull’andamento dei prezzi spiegando che il Centro si attesta su un tasso di crescita al di sopra della media nazionale e di appena due decimi di punto inferiore a quello del trimestre precedente (da +1,4% a +1,2%).

Nel Sud e Isole, invece, i prezzi mostrano un’inversione di tendenza (-0,2% da +1,4%). Guardando alle grandi città, nel Centro Roma fa eccezione rispetto alla media. Nella Capitale si rileva un’inversione di tendenza dei prezzi che registrano un calo su base annua dello 0,5% (da +1,7% del trimestre precedente) attribuibile esclusivamente ai prezzi delle abitazioni esistenti che diminuiscono dello 0,8% (da +1,3% del primo trimestre), mentre i prezzi delle abitazioni nuove continuano a crescere anche se in misura minore rispetto al primo trimestre (da +4,7% a +2,6%). Su base congiunturale si rileva una crescita per entrambe le componenti (+0,5% per le abitazioni nuove e +0,3% per le esistenti). A Milano rallenta la crescita dei prezzi delle abitazioni che aumentano dell’1,4% su base annua (da +5,2% del primo trimestre) e dello 0,1% su base congiunturale.

L’incremento tendenziale è imputabile esclusivamente ai prezzi delle abitazioni esistenti che salgono del 3,6% mentre quelli delle abitazioni nuove diminuiscono dell’8,8%. A livello congiunturale, invece la dinamica risulta divaricata in quanto i prezzi delle abitazioni nuove calano in modo marcato (-14,2%) mentre quelli delle abitazioni esistenti salgono del 3,2%. A Torino infine si registra un aumento tendenziale dei prezzi ma in decelerazione rispetto al trimestre precedente (da +1,9% a +1,6%) dovuto soprattutto ai prezzi delle abitazioni nuove che aumentano del 5,2% rallentando rispetto al primo trimestre del 2021 (+9,9%); i prezzi delle abitazioni esistenti crescono dell’1,0%, in accelerazione rispetto al trimestre precedente (era +0,7%). L’aumento a livello congiunturale, invece, è imputabile esclusivamente ai prezzi delle abitazioni esistenti che crescono del 2,6% (in accelerazione da +0,7%) mentre quelli delle abitazioni nuove calano dello 0,5%.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna