Commercio: al via task force contro abusi tavolini al centro di Roma

Multe per 26 mila euro in tre ore

Tavolini al Pantheon

È partita ieri pomeriggio da piazza della Rotonda al Pantheon l’attività della task force anti tavolino selvaggio, il nucleo speciale organizzato dalla polizia locale di Roma Capitale. I 25 agenti impegnati nell’operazione hanno controllato tutte le occupazioni di suolo della piazza e quasi tutti i controlli hanno evidenziato irregolarità. In tre ore sono stati elevati undici verbali per un totale di 26 mila euro, di cui 5 da 5 mila euro per occupazione abusiva del suolo pubblico e 6 da 173 euro per non aver ottemperato alle prescrizioni relative alla concessione (articolo 20 codice della strada), con la diffida per i trasgressori al ripristino dello stato dei luoghi. A essere sottoposte a controllo sono state dieci attività di somministrazione, un negozio di alimentari e un albergo e sono stati liberati circa 100 metri quadrati di occupazione abusiva di suolo pubblico.

Nei controlli di questi giorni, per i quali il comando di polizia locale e l’assessorato alle Attività produttive comunicheranno periodicamente l’andamento e le sanzioni emesse, viene adottato per la prima volta il nuovo metodo di verifica definito dalla riorganizzazione delle procedure della polizia locale di Roma Capitale. Vengono sanzionati: l’ampliamento abusivo oppure l’occupazione totalmente abusiva per attività di somministrazione di alimenti e bevande, l’ampliamento dell’occupazione rispetto all’istanza Osp-covid, le difformità rispetto all’istanza di concessione Osp-covid oppure mancato rispetto dei criteri minimi e l’occupazione di suolo pubblico abusiva da parte di un’attività diversa da somministrazione (vicinato alimentare, laboratorio, eccetera). In caso di inottemperanza all’immediato ripristino dello stato dei luoghi, gli agenti della polizia locale procedono al verbale per il sequestro ai fini della confisca. Il materiale dell’Osp abusiva (sedie, tavolini, pedane, ombrelloni ecc.), posto sotto sequestro, va prioritariamente collocato all’interno del locale con apposizione dei sigilli (nastratura e cartelli), nominando come custode il soggetto responsabile della conduzione dell’attività commerciale al momento del controllo. In caso di impossibilità di collocare gli allestimenti all’interno del locale si procede al sequestro con nastratura e cartelli direttamente sul posto.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna