15 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Copasir, Adolfo Urso eletto presidente

Meloni, da FdI buon lavoro a neo presidente. per lui tanti dossier caldi, da caso Attanasio ad energia

Adolfo Urso, senatore di Fratelli d’Italia, e’ il nuovo presidente del Copasir in sostituzione del dimissionario Raffaele Volpi, che ha rimesso il mandato di presidente lo scorso 20 maggio. L’esponente di Fratelli d’Italia e’ stato eletto con sette voti favorevoli e una scheda bianca. Assenti i componenti dimissionari della Lega, l’ex presidente Raffaele Volpi e Paolo Arrigoni.

“Congratulazioni e buon lavoro da me e da Fratelli d’Italia ad Adolfo Urso, neo presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica. E il nostro ringraziamento al presidente uscente Raffaele Volpi per il lavoro svolto. Gia’ da vicepresidente del Copasir, il senatore Urso aveva dimostrato capacita’ e competenza e siamo certi che sapra’ ricoprire questo importante e delicato incarico allo stesso modo, sempre nell’interesse della Nazione e degli italiani”. E’ quanto dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Alla fine la soluzione accontenta tutti. Tranne la Lega che diserta la seduta. Sette voti in totale, che sono uno in più di quanto basta (servivano sei preferenze) per l’investitura alla guida del Comitato di controllo dei servizi italiani, ruolo chiave e di snodo delle più delicate vicende che riguardano la sicurezza del paese. Plaudono le forze politiche, a partire da Fratelli d’Italia, (ma va bene anche per M5S e Pd) che hanno chiesto per mesi l’attribuzione della presidenza del comitato di controllo dei servizi all’opposizione, esce sconfitto Salvini, che ribadisce come la soluzione sarebbe dovuta passare per le dimissioni di tutti i membri, per arrivare a un comitato del tutto nuovo, prima di eleggere il successore del leghista Volpi, non risparmiando frecciate a Casellati e Fico “che non hanno rispettato la legge”.

Resta alta la polemica, ma oggi si mette un punto a una vicenda che ha registrato tensioni e colpi di scena che hanno tenuto banco per mesi, mettendo in crisi i rapporti tra i due principali partiti del centrodestra, tra Salvini e Meloni, il primo al governo, l’altra all’opposizione. Sin dall’insediamento di Draghi, Fdi segnala l’anomalia della presidenza Volpi – siamo a febbraio – poi è lo stesso Volpi a scrivere a Casellati e Fico, spiegando di essere in attesa di decisioni.

Ad aprile i presidenti di Camera e Senato, Casellati e Fico, invitano i partiti a risolvere politicamente la vicenda, trovando un accordo per nuovi assetti. Accordo che non si trova, con la Lega che spiega di sentirsi legittimata a proseguire, richiamando il precedente D’Alema del 2011, che restò in carica anche con l’arrivo del governo Monti, appoggiato dal suo partito. Un tira e molla che vede la Lega puntare i piedi anche dopo la richiesta di sostituire Volpi e Arrigoni, che nel frattempo (il 20 maggio scorso) si sono dimessi, su input di Salvini che propone un comitato tutto nuovo, prima di ripartire con un presidente di opposizione. Casellati e Fico, preso atto del no di Salvini, fanno sapere che il comitato, a questo punto, può eleggere lo stesso il presidente: Urso può convocare, come poi farà per oggi, il Copasir.

Dopo un giro di telefonate per sondare il terreno, il senatore di Fdi riunisce i dieci membri a San Macuto e ottiene i voti, come ormai ampiamente previsto. Ora, come detto a mezza bocca dallo stesso Salvini, “il comitato può lavorare lo stesso, noi non torniamo indietro”.

Chiuso così il caso, con una ferita che resta però ancora aperta, rappresentata dalle sedie vuote di Volpi e Arrigoni a San Macuto, Urso dovrà mettere mano ai tanti dossier che sono rimasti chiusi sulla scrivania di San Macuto.

A partire dalla vicenda dello scorso febbraio, con l’uccisione in Congo dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, al focus sul sempre caldo scenario libico, dove diplomazia e 007 italiani sono impegnati, sia sul fronte economico, che su quello dei flussi migratori.

Da affrontare ci sarà pure il caso Mancini-Renzi, dopo l’incontro in Autogrill fra il leader di Italia Viva e l’agente del Dis.

Già previsti, invece, l’indagine conoscitiva sul settore dell’energia che vedrà la pentastellata Dieni e il leghista Arrigoni a fare da relatori.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014