Covid, è in arrivo la proroga dello stato d’emergenza?

Il termine è previsto per il 31 luglio, ma potrebbe essere portato a fine dicembre. Tante le reazioni politiche

I controlli dei carabinieri

L’ultima proroga dello stato di emergenza ne ha fissato il termine al 31 luglio. Una data che potrebbe segnare la fine di un lungo periodo caratterizzato da Dpcm, ordinanze e restrizioni. Ma mentre all’interno del governo c’è chi auspica la fine dello stato di emergenza per il 31 luglio, c’è chi invece pensa a una nuova proroga.

Stato di emergenza, Draghi spinge per prorogarlo
Come riporta La Repubblica, a Palazzo Chigi l’intenzione sarebbe di prorogare lo stato di emergenza, forse fino a dicembre, in vista di un possibile aumento di contagi in autunno. Un’eventualità che richiederebbe quindi interventi immediati, propri dello stato di emergenza, per i quali è determinante la figura del commissario straordinario.

L’incarico potrebbe quindi essere mantenuto ancora per qualche mese dal generale Francesco Figliuolo, così come resterà in piedi il Cts con i suoi esperti.

Gelmini: Governo sta valutando proroga stato di emergenza

“Verrà prorogato lo stato di emergenza? C’è in corso una valutazione e un monitoraggio molto attento della variante Delta che ancora nel nostro paese non è estesta come capitato in Gran Bretagna, però è stata segnalata in alcune regioni italiane. Il governo sta valutando quindi la proroga dello stato di emergenza. Al momento non è stata ancora assunta una decisione formale, ma certo abbiamo 40 milioni di italiani in zona bianca, la pandemia sta regredendo però non è ancora il momento del liberi tutti e da parte del governo c’è un atteggiamento di grande prudenza, e gratitudine nei confronti degli italiani che stanno tenendo comportamenti improntati alla cura della propria salute e di quella degli altri”. Così Mariastella Gelmini, Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, ospite di ‘Oggi è un altro giorno’

Salvini: “Non ci sono i presupposti”
Al Forum Ansa, il leader della Lega Matteo Salvini è intervenuto sul tema della proroga: “Non abbiamo ancora parlato con Draghi, ma a mio avviso non ci sono i presupposti per trascinare lo stato di emergenza. Credo sarebbe un bel messaggio, come dire il peggio è passato”.

Meloni: Proroga è ipotesi folle

“Apprendiamo dalla stampa che il Governo Draghi starebbe pensando a una Proroga dello stato di emergenza al 31 dicembre 2021. Un’ipotesi che, se confermata, sarebbe folle e che come Fratelli d’Italia ci vede nettamente contrari”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. “Ad un anno e mezzo dallo scoppio dell’epidemia non è più accettabile che le più elementari norme della democrazia e i principi dello stato di diritto come la libertà di movimento e d’impresa possano essere calpestati o violati dal Governo nel nome dell’emergenza. Il 2021 deve essere l’anno del ritorno alla normalità: il nostro ordinamento è in grado di gestire la pandemia con i poteri e gli strumenti ordinari di cui già dispone, nel rispetto della Costituzione e delle prerogative del Parlamento”, conclude.

Proroga stato di emergenza, i motivi
I motivi che potrebbero spingere la presidenza del Consiglio dei ministri a proporre un’ulteriore proroga sono legati all’andamento della campagna vaccinale, a buon punto sì, ma non ancora prossima a garantire l’immunità di gregge; per quanto in più occasioni gli esperti abbiano parlato di luglio come del mese della svolta e dell’allentamento delle restrizioni, sarà probabilmente ancora presto per dichiarare finita l’emergenza Covid.

Un altro aspetto che preoccupa gli esperti è la diffusione della variante Delta, che nel Regno Unito ha causato una nuova ondata di contagi e la conseguente posticipazione delle riaperture. I nuovi contagi si sono registrati principalmente tra le persone non vaccinate, ma sono a rischio anche quelle che hanno ricevuto una sola dose; molto meno probabile, invece, il contagio per chi ha completato il ciclo vaccinale.

Cos’è lo stato di emergenza, chi lo chiede, quanto dura
Lo stato di emergenza viene proposto dal presidente del Consiglio e permette di attuare interventi speciali con ordinanze in deroga alle disposizioni di legge, entro certi limiti. Le ordinanze sono curate dal capo del dipartimento della Protezione civile. La durata massima è di 180 giorni, ma prevede deroghe di sei mesi qualora si renda necessario.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna