Crisi di Governo: L’Italia si prepara al voto. Ipotesi 25 settembre o 2 ottobre

Anche Cangini lascia Forza Italia. Partono grandi manovre

Il presidente della Repubblica non ha ancora sciolto le Camere ma i partiti gia’ si preparano al voto mentre c’e’ grande attesa nel Paese su quale sara’ la data nella quale saremo chiamati a votare. Scelta non facile che formalmente spetta al governo: secondo calcoli ed indiscrezioni al momento le due date piu’ probabili sono quelle del 25 settembre o del 2 ottobre.

In attesa di capire se Sergio Mattarella sciogliera’ le Camere gia’ oggi si aspetta la salita al Quirinale dei presidenti di Senato e Camera, Elisabetta Casellati e Roberto Fico, come prevede la Costituzione.

Dopo l’incontro il presidente Mattarella dovrebbe parlare alla stampa e chiarire alcuni passaggi per il prossimo futuro. Mario Draghi infatti continuera’ a guidare l’esecutivo per gli affari correnti e cio’ sara’ fino alla formazione del nuovo governo che e’ prevedibile non avverra’ prima della fine di ottobre o i primi di novembre. Intanto prosegue l’emorragia di Forza Italia: dopo l’uscita di Maria Stella Gelmini e di Renato Brunetta, anche il senatore Andrea Cangini si e’ tirato fuori dal partito di Berlusconi. Grandi movimenti al centro, che sa di avere poco tempo per organizzarsi e trovare il modo di stare insieme.

Quel che e’ certo e’ che Mario Draghi rimarra’ virtualmente a lungo nella scena politica italiana: dal Pd a Toti passando per Calenda tutti spiegano che sara’ proprio “l’agenda Draghi” a contrapporsi alle politiche del centrodestra. Concetto confermato anche dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Matteo Renzi chiama ad un “grande rassemblement che, in nome dei principi di questi mesi di governo Draghi, dica si’ all’Europa e no a i sovranisti”. Infine il centrodestra si e’ ricompattato sul voto anticipato ma gia’ si divide su chi dovra’ essere il condottiero.

“Meloni? Non c’e’ nessun volto del centrodestra, si vedra’ quando si andra’ a votare. Avremo un programma politico ed economico, fondamentale la scelta Europeista e Atlantista, il nostro principale interlocutore sono gli Stati Uniti”, gela le attese di Fratelli d’Italia il coordinatore di Fi, Antonio Tajani.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna