Draghi a Senato: “Sono qui perché gli italiani lo hanno chiesto. Pronti a ricostruire il patto di fiducia?”

Un intervento di grande impatto emotivo e politico, calorosamente applaudito dai senatori una ventina di volte

C’è l’Italia del futuro nelle parole ferme e pacate, a tratti commosse, di Mario Draghi. Un intervento dritto al cuore degli italiani e che spazza via ogni dubbio sulla sua intenzione di non abbandonare il Paese alla deriva. Il futuro dell’Italia che delinea Draghi è quello di uno Stato efficiente che garantisca diritti e giustizia, lavoro, fisco, sanità e trasporti. Un intervento di grande impatto emotivo e politico, calorosamente applaudito dai senatori una ventina di volte, ma con la stessa partecipata intensità finora riservata soltanto al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Ed è con la condivisione della decisione del Capo dello Stato di respingere le dimissioni, che Draghi ha definito doverose, che il Premier inizia a puntualizzare le urgenze che è essenziali affrontare per mettere in sicurezza l’Italia.

“Se sono qui è perché l’hanno chiesto i cittadini, a cominciare dagli oltre duemila sindaci e dagli eroi degli operatori sanitari anticovid”, ha esclamato con una punta di commozione il Premier. “Ma non è a me che dovete rispondere se davvero volete che questo esecutivo continui a governare. Dovete rispondere ai cittadini, dovete rispondere al Paese”, ha concluso fra gli applausi scroscianti dei Senatori il Presidente del Consiglio. Un discorso vibrante che ha messo il parlamento dinnanzi alle proprie responsabilità. Emblematica e davvero commovente l’esclamazione “lo dobbiamo alla memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”, il passaggio più intenso e applaudito dei circa quaranta minuti di intervento del Premier. Ma il culmine è per l’affermazione ” non sono mai stato così orgoglioso di essere italiano”. Dalla politica estera, all’economia alle riforme essenziali, come quella primaria del fisco, alle infrastrutture  Draghi ha in pratica materializzato a grandi linee un programma di governo di fine legislatura sul quale chiede alla forze politiche una essenziale nuova ripartenza, un vero e proprio raddoppio di partecipazione, più che un rilancio.

“L’unica strada se vogliano ancora proseguire assieme é ricostruire questo patto di unità nazionale, con coraggio, altruismo e credibilità:a chiederlo sono gli italiani”, ha ribadito Draghi che ha lanciato una stoccata subliminale tanto a Giuseppe Conte, sull’Ucraina, quanto a Matteo Salvini. “Non serve una fiducia di facciata, ma sostanziale, c’è bisogno di un sostegno convinto e non proteste non autorizzate talvolta violente contro la maggioranza di Governo”, ha scandito il Premier. Come non condividere parola per parola le affermazioni di Draghi? È la domanda che è subito rimbalzata fra gli ambienti politici e i palazzi delle istituzioni e che evidenzia il grande riscontro positivo e ottimistico di quello che viene considerato il nuovo inizio del Governo Draghi.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna