Elezioni: Dai diritti civili alle tasse, programmi a confronto

I 3 pilastri di Letta, il "credo" di Salvini, l'agenda Draghi

Il filoatlantismo e’ un imperativo categorico del programma del centrodestra, un progetto che si interseca con le posizioni del Pd e dei sostenitori della cosiddetta “Agenda Draghi” . Piu’ complessa e’ la partita sul fronte delle riforme, con il presidenzialismo e le autonomie, su cui puntano Giorgia Meloni, (per il primo), e Matteo Salvini (per le seconde), che diventa un vero proprio spartiacque rispetto al centrosinistra e ai propositi dei moderati di centro. E alla richiesta di meno tasse, anche una con una rimodulazione della flat tax (contenuta nei 15 punti programmatici del centrodestra), il Pd risponde con un documento di 34 pagine approvato all’unanimita’ che poggia sui tre pilastri: sviluppo-lavoro- diritti. Prevede subito il DDL Zan e l’introduzione del matrimonio egualitario, la parita’ di genere Ma anche lo ius scholae. Un programma molto orientato sul sociale con i 500 mila alloggi popolari da realizzare in 10 anni, una sorta di progetto Ina-Casa di fanfaniana memoria. E ancora i rigassificatori ma solo in fase transitoria, insieme ad una transizione ecologica e ad un sistema fiscale “piu’ equo” , con la riduzione dell’irpef a partire dai redditi piuu’ bassi, la lotta all’evasione . E sulle riforme, la sfiducia costruttiva. Con una nuova legge elettorale contro le liste bloccate.

E, andando contro uno dei cardini dei 5 stelle, Enrico Letta ha sempre dichiarato che vorrebbe la modifica del reddito di cittadinanza e del superbonus 110. Elemento divisivo tra centrodestra, Pd e sinistra e’ sicuramente la modalita’ con cui si declinano i canoni su sicurezza e migranti (piu’ orientati verso l’accoglienza nel Pd e nella sinistra e piu’ sul concetto del respingimento da parte di Fratelli d’Italia e Lega). E arriva anche il “credo laico” del leader della Lega: “fisco equo, rivoluzione della flat tax e della pace fiscale, contro la sinistra delle tasse. ” giustizia giusta e certezza della pena. E ancora, una sanita’ che non lasci indietro nessuno”, fino alla fiducia in “pensioni dignitose: chi l’Italia l’ha costruita, lavorando una vita intera, vada sostenuto. Basta legge Fornero, l’obiettivo e’ Quota 41”. Non mancano i “credo” sul fronte immigrazione e sicurezza come “Il contrasto ai trafficanti di esseri umani e lo stop agli sbarchi clandestini. I 5 stelle puntano sugli aiuti alle imprese e alle famiglie, un tema su cui convergono sostanzialmente tutte le forze politiche, sia pure con diverse declinazioni sull’argomento. E tengono il punto su salario minimo e il no alle trivelle (idea che li accomuna alla sinistra ecologista).

Il rilancio contro la precarieta’ del lavoro sembra essere un denominatore comune. Su salute e nuove fonti energetiche si concentra uno dei 15 punti del centrodestra che pero’ non direbbe no al nucleare pulito dell’ultima generazione: un passo decisamente forte per la sinistra ecologista, i 5 stelle (contrari anche ai termovalorizzatori), e il Pd. L’inclusione sociale e’ un altro cavallo di battaglia del centrodestra, mentre il cashback fiscale rappresenta un punto di riferimento per il partito di Conte. L’agenda Draghi campeggia nel programma di Carlo Calenda e Matteo Renzi, viatico per l’accordo in salsa centrista tra Azione e Italia Viva.

Per trovare i punti in comune nei programmi dei due leader non c’e’ quindi che l’imbarazzo della scelta, in attesa della presentazione ufficiale : dall’atlantismo all’europeismo, al sostegno all’Ucraina. E ancora, il Pnrr con il raggiungimento di tutti i 55 obiettivi. Un Pnrr sul quale invece i partiti del centrodestra chiedono alcune revisioni. In questo quadro, un capitolo di convergenza tra Calenda e Renzi e’ quello delle riforme, proprio a cominciare da quelle avviate dal governo uscente , dalla concorrenza alla giustizia (a partire dalla riforma del Csm), dal fisco, con la riforma dell’Irpef ,all’agenda sociale. Attenzione anche per la politica energetica e ambientale, con una forte spinta per le rinnovabili, l’installazione dei rigassificatori che invece vede la contrarieta’ della sinistra

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna