Expo 2030: a Roma a luglio gli stati generali. Per Gualtieri la candidatura sarà “beneficio per Tor Vergata”

"Riteniamo fondamentale coinvolgere le forze produttive e la società civile", ha detto il sindaco durante l'assemblea capitolina per l'istituzione ufficiale del comitato promotore

“A Roma a luglio si terranno gli stati generali di Expo 2030”. Lo ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, nel corso del suo intervento in assemblea capitolina, in occasione della discussione prevista per l’approvazione della delibera con cui si costituirà ufficialmente il comitato promotore.

“Riteniamo fondamentale coinvolgere le forze produttive e la società civile, attraverso gli stati generali potranno contribuire – ha sottolineato il sindaco -. Grazie a questa iniziativa valorizzeremo le ragioni di fondo per cui abbiamo deciso di candidare Roma a Expo 2030”.

In questa prima fase “sono stato coadiuvato dai vertici del costituendo Comitato promotore – Giampiero Massolo, Presidente, e Giuseppe Scognamiglio, Direttore Generale – dal Ministero degli Esteri, a partire dal Ministro Di Maio, che ringrazio per il lavoro svolto e dall’Architetto Carlo Ratti. La redazione del dossier sulla candidatura di Roma per Expo 2030 è stato affidato a personalità di alto profilo, che hanno applicato con rigore l’impostazione che abbiamo scelto di seguire”.

“Il gruppo di lavoro che si è impegnato attorno a questo obiettivo è stato articolato in otto aree di attività”, ha sottolineato il sindaco spiegando poi: “Le otto aree sono: sviluppo del tema; misure legali e partnership; masterplan e infrastrutture; comunicazione e marketing; incoming ticketing; studio dell’impatto economico, sociale, ambientale; post Expo; contenuti istituzionali”.

Con la candidatura di Roma per Expo 2030 – ha continuato il sindaco –  “abbiamo voluto dar vita a un progetto destinato a lasciare una solida eredità alla nostra città, coinvolgendo le nostre intelligenze migliori attorno a un grande progetto di rigenerazione urbana”. Lo ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, nel corso del suo discorso in Assemblea capitolina in occasione della discussione per l’approvazione della delibera con cui si costituirà ufficialmente il comitato promotore.

“A beneficiare direttamente dell’Esposizione universale sarà un intero quadrante (Tor Vergata ndr) – ha sottolineato il sindaco – Expo 2030 non vuole essere una semplice vetrina, ma un vettore di innovazione e trasformazione di cui i romani saranno i primi a beneficiare”, ha aggiunto Gualtieri.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna