Expo 2030: Camilli (Unindustria), serve pulizia straordinaria a Roma in vista di arrivo ispettori

"Sono biglietti da visita per Paese"

A inizio 2023 sono attesi i funzionari dell’Expo per ispezionare la capitale, e “questa data è più ravvicinata di quanto sembri” quindi “credo che serva una nuova pulizia straordinaria”. Lo ha detto il presidente di Unindustria, Angelo Camilli, in un’intervista al quotidiano “Il Messaggero”.

“Il comune, quanto il comitato promotore, sanno – ha sottolineato Camilli – che sono tematiche che vanno affrontate indipendentemente da Expo. E credo che serva una nuova pulizia straordinaria. In genere il decoro, rifiuti in primis, e il sistema dei trasporti sono biglietti da visita per un Paese che punta a ospitare eventi internazionali di questa caratura. Ma il progetto del termovalorizzatore, da far partire nel 2026, mi sembra una buona soluzione sul fronte strutturale”, ha concluso il presidente di Unindustria.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna