Fipe confcommercio Roma, subito apertura pubblici esercizi fino alle 22

per far fronte all protrarsi delle misure restrittive

(immagine di repertorio)

Allungare l’orario di apertura dei pubblici esercizi almeno fino alle 22. E’ questa la richiesta del consiglio direttivo di Fipe Roma  alla Regione Lazio per far fronte alla grave crisi in cui versano i pubblici esercizi di Roma e provincia a causa del protrarsi delle misure restrittive che in particolare per i ristoranti si traducono in un secondo lungo lockdown. “Il consiglio, per consentire la sopravvivenza delle 40 mila imprese della Regione di cui i due terzi operano nella citta’ metropolitana di Roma Capitale, chiede inoltre altre misure urgenti tra le quali: cancellazione della seconda rata della Tari, prolungamento a tutto il 2021 dell’occupazione di suolo pubblico a titolo gratuito, riduzione dei canoni di locazioni per i locali ad uso commerciale per tutto il 2021, blocco degli sfratti per le attivita’ commerciali fino al 31 dicembre 2021 e finanziamenti garantiti restituibili in 20 anni con 36 mesi di preammortamento”, sottolinea la Federazione.

“Con le misure restrittive in vigore fino al 7 gennaio – dichiara nella nota Sergio Paolantoni, presidente di Fipe confcommercio Roma – i pubblici esercizi, in particolare i ristoranti, sono di fatto entrati in un secondo lockdown che porta a 140 giorni la chiusura nel 2020. Qualsiasi impresa farebbe fatica a sostenere l’impatto di un cosi’ lungo periodo di inattivita’ e pertanto e’ urgente che si proceda da un lato all’allungamento immediato dell’orario fino alle 22 e dall’altro a definire con altrettanta immediatezza il calendario per il ritorno al normale svolgimento dell’attivita’. Le nostre aziende hanno bisogno di programmazione mentre oggi c’e’ solo incertezza, addirittura non sappiamo quando cesseranno le misure restrittive in vigore”.

“I dati epidemiologici della Regione Lazio – prosegue Paolantoni – consentono fin da ora di dare piena attuazione al principio secondo cui va coniugata tutela della salute e salvaguardia dell’economia. Nella nostra regione 40 mila imprese e 150 mila lavoratori stanno vivendo una drammatica situazione di difficolta’ a cui occorre dare urgente risposta”, conclude la nota. Il consiglio direttivo ha dato mandato al presidente di valutare ulteriori e piu’ incisive iniziative perche’ le imprese vengano messe nelle condizioni di tornare a lavorare in sicurezza secondo i normali orari di attivita’.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna