Gualtieri si dimette da deputato, serviranno elezioni suppletive

Per eleggere chi occuperà il suo seggio a Montecitorio. Tra le ipotesi degli ultimi giorni spunta il nome dell'ex premier, Giuseppe Conte ma anche quello dell'attuale presidente del Lazio, Nicola Zingaretti

Il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri in Campidoglio

Roberto Gualtieri (Pd), eletto sindaco di Roma, si dimette da deputato. Il suo seggio a Montecitorio dovrà essere coperto con elezioni suppletive nel collegio uninominale. Lo ha comunicato all’Assemblea di Montecitorio il vicepresidente Andrea Mandelli.

Rispetto a chi occuperà il seggio lasciato libero in Parlamento dal neo sindaco della Capitale, tra le ipotesi degli ultimi giorni spunta il nome dell’ex premier, Giuseppe Conte ma anche dell’attuale presidente del Lazio, Nicola Zingaretti.

Rispetto a Conte era stato lo stesso Gualtieri a dichiarare di non saperne nulla. “Non me ne occupo io di questa cosa: è nelle buone mani del Pd di Enrico Letta”. Concetto ribadito da Zingaretti che – dopo aver smentito che fosse all’ordine del giorno una sua candidatura – ha ribadito: “C’è per fortuna una coalizione vincente e che deciderà su tutto e che sarà utile per confermare questa stagione di vittorie di un’alleanza larga e finalmente unita, che è il più grande patrimonio che noi abbiamo per il bene dell’Italia e che dobbiamo salvaguardare”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna