Il cinema Azzurro Scipioni chiuderà, poltrone in vendita

Proprietario, sono costretto a interrompere. Bergamo, lo salveremo

photo credit Giuseppe Schiano di Colella
Foto di Giuseppe Schiano di Colella

L’Azzurro Scipioni, storica sala cinematrografica di Roma, e’ a rischio chiusura. A farlo sapere e’ Silvano Agosti, gestore del cinema in zona Prati, che in un post su Facebook annuncia la vendita delle sedie per 5 euro al pezzo: “Le sto mettendo in vendita perche’ sono costretto a interrompere l’attivita’ dell’Azzurro Scipioni. Adesso informero’ l’assessore alla Cultura ma non ho grandi speranze”, dice sconsolato. La struttura, che ha due sale (la Chaplin e la Lumiere), e’ aperta da circa 40 anni durante cui ha sempre proiettato i grandi capolavori del passato attirando molti appassionati del grande schermo. Ora rischia di chiudere a causa dello stop forzato imposto dalla pandemia.

In pochi minuti, pero’, molti utenti hanno lasciato il loro commento sulla pagina social, invitando Agosti ad andare avanti: “Che tristezza! E’ stato un angolo di Roma pieno di sogni e soprattutto arricchito dalla tua presenza, sempre li’ pronto a parlare e a dare saggi e incantevoli consigli. Mi auguro vivamente che si possa fare qualcosa per mantenere vivo questo luogo”, ha scritto Alessandro. “Metti le sedie a 200 euro l’una e troverai un sacco di persone, tra cui io, disposte a comprarne una a testa per lasciarle dove devono stare”, ha suggerito Sara.

“Silvano non mollare. Fatti aiutare e apri un crowdfunding sicuramente moltissime persone sono pronte a donare affinche’ l’Azzurro Scipioni continui la sua attivita’ di cinema di arte e cultura”, ha aggiunto Nino. Insomma, la speranza e la volonta’ di molti e’ di aiutare questa storica struttura della Capitale a non chiudere.

“Appena venuto a conoscenza di quanto sta accadendo al cinema Azzurro Scipioni ho preso contatti per capire la situazione. Vogliamo evitare la chiusura” ha fatto sapere in una nota il vicesindaco di Roma con delega alla Crescita culturale Luca Bergamo.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna