Immobiliare: Roma in ripresa, ma mancano interlocutori politici

Dal 25mo Forum di Scenari immobiliari un impegno degli operatori del settore a fare qualcosa per la Capitale.

Insieme a Milano e Venezia le quotazioni delle case sono in netto rialzo anche a Roma, tuttavia la Capitale è al quinto posto nella classifica italiana dell’industria immobiliare che vede Milano al primo. E se il capoluogo lombardo risulta la seconda tra le città europee più competitive Roma è persino fuori dalle top ten.

E’ quanto emerso al 25mo Forum di Scenari Immobiliari che si è svolto a Santa Margherita Ligure nel fine settimana, con una vasta partecipazione di esperti e operatori del settore, che ha riservato alla Capitale un curioso “siparietto’’ che si è concluso con un “facciamo qualcosa per Roma’’, seguito da un calorosissimo applauso.

In particolare Emanuele Caniggia, Ad di Idea Fimit, ha sottolineato che alla Capitale manca una sostenibilità economica di fondo, ma i problemi che si stanno ingigantendo non dipendono solo dalla Giunta pentastellata. “Gli ultimi quindi anni con Amministrazioni in rotazione – ha detto – hanno prodotto continue perdite che ora tolgono al Campidoglio la possibilità di una minima manutenzione della città.

Secondo Caniggia bisogna anche produrre progetti dello sviluppo del territorio che tengano conto, frenandolo, dell’eccessivo allargamento di Roma, all’origine della crisi dei trasporti. Infatti la bassa densità abitativa non facilita lo sviluppo della metropolitana, che diventa costosa e poco remunerativa per la scarsa affluenza di passeggeri in molte zone.

All’allarme di Caniggia si è aggiunto Valter Mainetti, Ceo di Sorgente Group a cui fanno capo molti edifici nella Capitale anche prestigiosi, come Galleria Alberto Sordi e la sede della Rinascente di piazza Fiume, firmata dall’architetto Albini. ‘’Mi associo al grido di dolore – ha detto – per la Capitale lasciata pressoché abbandonata a sé stessa. C’è stato un sussulto solo con il prefetto Tronca. Al di là dei fatti ideologici mi stupisco però che i politici che governano oggi la Capitale evitino accuratamente di parlare con noi, quando potremo invece contribuire a risolvere qualche problema, come in passato, con la nostra esperienza e disponibilità”. E’ noto infatti che la Fondazione Sorgente Group, presieduta da Mainetti, ha adottato e ristrutturato il famoso ‘’Giardino degli Aranci’’ dell’Aventino.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna