Infrastrutture: Rebecchini, troppo spesso ostaggio burocrazia

Presidente Acer-Ance incontra magistratura e p.a.

“Troppo spesso infrastrutture, urbanistica e imprenditoria sono ostaggio della burocrazia e questo rappresenta un costo enorme per le future generazioni di cui molti non sembrano rendersi conto, perché pochi investono sul Paese, nessuno più su Roma”. E’ quanto sostiene il presidente di Ance Roma – Acer, Nicolò Rebecchini in vista di “Sfida Capitale” – Magistratura, pubblica amministrazione e imprese dialogano per contrastare la concorrenza sleale e la burocrazia “difensiva”organizzato dall’associazione dei costruttori .

L’incontro, spiega una nota dell’Acer, è un’occasione di confronto su temi come il rapporto tra impresa e pubblica amministrazione, il peso della burocrazia e la corruzione, il ruolo della giustizia amministrativa e quella penale, la disciplina delle attività di lobbying. Al confronto parteciperanno tra gli altri Piero Guido Alpa, Gabriele Buia, Sabino Cassese, Mario Palazzi, Paola Severino, Angelo Buscema, dopo un saluto della vicepresidente della Camera Mara Carfagna. Modererà Virman Cusenza, direttore de Il Messaggero.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna