Intesa Sanpaolo/UBI Banca: cambia il mondo del credito

Dietro alla mega fusione seguirà anche un diverso comportamento dei risparmiatori per i quali la super- banca potrebbe non essere più una priorità

 

La mega fusione in vista fra Intesa Sanpaolo e Ubi Banca darà vita al quarto gruppo bancario europeo, ma taglierà, fatalmente, anche migliaia di posti lavoro.

Al di là dell’interesse borsistico, giustamente suscitato da un operazione da circa 5 miliardi di euro, l’iniziativa dell’istituto guidato da Carlo Messina risponde ai rapidi cambiamenti che la tecnologia digitale determina nell’attività delle banche. E’ quindi necessario, non solo mantenersi competitivi ma, anticipare i vari competitor per mantenersi al top sul mercato globale del credito.

Anche nel settore del credito, internet e il digitale hanno eliminato gran parte dell’intermediazione alla quale erano dedicati tanti spazi con cosiddetti sportelli e consulenti.

Così facendo però la banca sta perdendo il valore aggiunto, apprezzato e fondamentale soprattutto per i risparmiatori meno esperti e le piccole aziende, costituito appunto dal rapporto diretto e fiduciario con il personale bancario.

Questo aspetto “umano” sembra passare in secondo piano quando si affronta il grande risiko bancario o aziendale. Una scelta che, secondo noi, potrà alla fine scoraggiare il piccolo retail non sufficientemente “digitalizzato” e quasi “smarrito” di fronte a tanta nuova tecnologia.

Infatti, tenuto conto che nella gestione del denaro, in acquisizione quanto in uscita, nei cosiddetti pagamenti, possono già operare soggetti differenti dalle banche, i risparmiatori, privati dell’assistenza particolare alla quale erano abituati, saranno portati a bypassarle e sostituirle con lo stesso provider che fornisce la scheda telefonica (esempio).

Negli Usa la Apple già fornisce carte di pagamento e ciò le è utilissimo per acquisire dati sul comportamento dei clienti. Inoltre è già possibile aprire un portafoglio elettronico per gli acquisti che avvengono ormai sempre più sul web.

Del resto proprio Intesa Sanpaolo è stata in prima linea ad accelerare la spersonalizzazione verso il cliente, attraverso lo smobilizzo delle succursali e rendendo sempre più difficile il rapporto one to one con il cliente che potrebbe davvero provare il desiderio impellente di andarsene altrove (con il proprio conto).

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna