Lavoro e sostegno al reddito, 2.500 persone aiutate dalla Chiesa di Roma

Presentati i risultati di ‘Alleanza per Roma’, iniziativa voluta dal Papa e sostenuta da Comune e Regione, per sostenere chi colpito dalla crisi legata al Covid

La Chiesa di Roma a sostegno di chi è in difficoltà per colpa della crisi nella Capitale. Oltre 2.500 le persone sostenute, 920 le domande presentate, tre tipologie le misure proposte – sussidio, sostegno al reddito, inserimento lavorativo -, 400 i volontari impregnati in 75 Presidi Territoriali di Ascolto distribuiti su tutta Roma. Sono i dati del progetto “Alleanza per Roma” che ha concluso il 31 luglio scorso la prima fase di attività. Un’iniziativa guidata dal Vicariato.

I risultati dell’iniziativa sono stati presentati oggi, 3 agosto, con una conferenza stampa che si è tenuta presso il Palazzo Apostolico Lateranense alla presenza dell’arcivescovo Gianpiero Palmieri, vicegerente della Diocesi di Roma, il vescovo Benoni Ambarus, direttore della Caritas diocesana, del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e della sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi.

L’iniziativa è nata su invito di Papa Francesco che il 10 giugno 2020 ha istituito il Fondo “Gesù Divino Lavoratore” per sostenere quanti sono stati maggiormente colpiti dalla crisi economica dovuta alla pandemia da coronavirus; ad esso – su richiesta del Santo Padre –  hanno aderito la Regione Lazio e Roma Capitale, costituendo l’Alleanza per Roma. La diocesi era già intervenuta a marzo con le Acli per un progetto simile. 

Allo stanziamento della Diocesi di Roma di un milione di euro si è aggiunto il contributo di Regione Lazio e Roma Capitale entrambi con 500 mila euro. Nel corso del suo funzionamento, inoltre, a esso hanno contribuito con donazioni sia aziende che privati cittadini con 201 mila euro. L’idea ispiratrice è stata quella di attivare, in una relazione di aiuto e di prossimità, percorsi di accompagnamento e promozione sociale, in cui le persone potessero essere protagoniste della propria rinascita e di quella della comunità. La metodologia di lavoro si basa su quattro cardini – compartecipazione, generatività, accompagnamento, alleanze – per fornire risposte e strumenti concreti di soluzione alle problematiche, creando allo stesso tempo cultura sociale, pastorale e innovazione a partire dai fatti.

“L’Alleanza per Roma – spiega il vescovo Benoni Ambarus – intende essere un segno, portatore di una profezia e di una testimonianza. Con il progetto ‘Alleanza per Roma’, abbiamo agito con la consapevolezza dei “cinque pani e due pesci”, cioè sapendo delle risorse molto limitate rispetto alle richieste. Ma siamo contenti e orgogliosi di poter raccontare come siamo riusciti a vivere il miracolo della moltiplicazione. Le comunità si sono rese conto meglio di quello che stava succedendo, e incontrando le persone, le famiglie, hanno offerto non solo risorse finanziarie o percorsi lavorativi, ma anche compagnia, relazione, accompagnamento. Si è ingrandita la famiglia attorno alle famiglie che chiedevano aiuto; tutti siamo diventati più consapevoli che insieme possiamo fare tanto, che con il poco possiamo fare molto”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna