Lazio: turismo, intesa tra Regione e parti sociali su lavoro e sviluppo

Assessore Di Berardino: importante lavoro di squadra

turisti per la Pasqua a Roma
turisti per la Pasqua a Roma

La Regione Lazio e le Parti Sociali hanno sottoscritto oggi nella sede della Giunta regionale il Protocollo di Intesa in tema di “lavoro e sviluppo nel turismo”, con la realizzazione di un Piano di Interventi per la promozione e valorizzazione della qualità del lavoro nel settore turistico del territorio laziale. All’evento erano presenti l’assessore al Lavoro e nuovi diritti, Formazione, Scuola, Personale e Politiche per la ricostruzione, Claudio Di Berardino, l’assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start – Up e Innovazione, Paolo Orneli e l’Assessore al Turismo, Enti Locali, Sicurezza Urbana, Polizia Locale e Semplificazione Amministrativa, Valentina Corrado, insieme a Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs, Cigl Roma E Lazio, Cisl Lazio, Uil Roma e Lazio, Unindustria, Federalberghi, Confcommercio, Confesercenti e Cna. Il Piano di intervento si pone l’obiettivo di costruire strumenti in favore dei lavoratori e delle aziende del settore del turismo attraverso l’introduzione di misure di sostegno volte a favorire un lavoro stabile, regolare, di qualità e una crescita sostenibile.

“Il Protocollo d’intesa ‘Lavoro e sviluppo nel turismo’ è stato un importante lavoro di squadra. Il metodo di collaborazione utilizzato potrebbe essere una pratica ampliata anche ad altre Regioni non solo al Lazio. Ora però serve una partecipazione attiva di tutti per far si che si attui il protocollo. Il filo conduttore è la qualità del lavoro non solo dei lavoratori, ma anche delle imprese. Se non cogliamo questo obbiettivo credo sarà un problema. Inoltre c’è il tema della formazione che ha un ruolo importante. Proprio entro fine mese uscirà un bando sulla formazione dei lavoratori, perché riqualificare i ruoli serve per trovare nuove opportunità occupazionali” ha detto Di Berardino.

“Il periodo che stiamo vivendo richiede uno sforzo straordinario. Il perdurare della pandemia ha determinato la necessità di ridefinire un modello più aderente alle recenti e mutate necessità del sistema turistico laziale. A tal fine abbiamo fortemente voluto sottoscrivere questo Protocollo che consente di strutturare un piano di interventi congiunto che contribuirà ad accelerare il processo di uscita dalla crisi, creare valore aggiunto in termini occupazionali e di sviluppo, a innalzare la qualità e la competitività della nostra offerta turistica” ha detto dal canto suo Valentina Corrado.

“Il metodo di collaborazione con le parti sociali utilizzato per creare il protocollo d’intesa su lavoro e turismo è la chiave per uscire dalla crisi. Questo protocollo è importante perché mette al centro la qualità del lavoro del settore. Non ci fermiamo, dopo il protocollo stiamo avviando la programmazione che vale dal 2021 al 2027 quasi 7 miliardi di euro e dentro questa programmazione il turismo ha un ruolo centrale. Ora stiamo varando nuove misure per far ripartire e rendere più competitivo il settore turistico. Ci sarà una misura per aiutare le imprese a ripatrimonializzare, ci sarà una misura presentata da Zingaretti nei prossimi giorni per sostenere il settore del wedding, misure che vareremo nelle prossime settimane che riguarderanno la digitalizzazione per l’innovazione del sistema produttivo e per l’internazionalizzazione. Inoltre ci sarà un fondo di 40 milioni per la ristrutturazione degli alberghi, misura strutturale che stiamo mettendo per favorire l’ammodernamento del settore e il reinserimento nella competitività” ha sottolineato l’assessore Orneli.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna