Municipio Roma V, Fd’I denuncia: Parco Almagià sommerso di rifiuti

Presidente e assessore: attenzione costante su aree verdi

“Nonostante continue denunce e segnalazioni fatte dai cittadini residenti di l.go Parco Almagia’ zona Casilino Labicano, i problemi rimangono e le richieste di intervento sono rimaste inascoltate. All’interno del parco, purtroppo, e’ sempre piu’ diffuso il fenomeno dello scarico di rifiuti e materiali ingombranti o nocivi, tra l’altro in una zona molto frequentata anche da bambini e anziani”. Lo dichiarano il consigliere capitolino di Fratelli d’Italia e presidente della commissione trasparenza Andrea De Priamo, e il delegato alla sicurezza di Fratelli d’Italia Lazio Enzo Blasi.

“Durante un sopralluogo che abbiamo effettuato abbiamo anche sorpreso e filmato alcuni individui che scaricavano diversi sacchi contenenti materiali elettrici, calcinacci e materiali nocivi, gli autori sorpresi da un video e foto, segno della serenita’ di chi scarica abusivamente rifiuti ed e’ cosciente dello scarso controllo da parte dell’Amministrazione – continua la nota di Fd’I -. La richiesta che rivolgiamo all’Amministrazione Capitolina e alla polizia locale e’ di attivare piu’ controlli e garantire una maggiore presenza sul territorio – concludono De Priamo e Blasi-, e nel contempo, invitiamo l’assessore all’ambiente e il Presidente Caliste, che ad oggi risulta essere completamente disinteressato all’argomento, a intervenire con urgenza. Il municipio V e’ preda del degrado, e l’abbandono di rifiuti rappresenta un serio problema per la salute dei cittadini”.

Il presidente del Municipio Roma V, Mauro Caliste, e l’assessore all’Ambiente Edoardo Annucci replicano: “Si cerca di cavalcare le problematiche ed esasperare gli animi dei cittadini, diffondendo notizie non pienamente corrispondenti al vero; nella fattispecie, ci riferiamo alla situazione del Parco Almagia’. La presidenza e l’assessorato hanno quotidiano rapporto con i comitati di quartiere, per confrontarsi sulle problematiche e rinvenire soluzioni a stretto giro. In particolare il Comitato Torpigneto Almagia’ ha un rapporto estremamente costruttivo con le Istituzioni, al punto di aver realizzato insieme a noi molteplici sopralluoghi e incontri periodici. I rifiuti segnalati, in particolare gli ingombranti, non sono presenti all’interno del Parco pubblico ma nelle immediate vicinanze dei cassonetti stradali; in merito all’area verde, a conferma dell’interesse di questa amministrazione per il verde pubblico, diversi sono stati gli interventi realizzati in questi mesi dal Servizio giardini e l’Ufficio aree ludiche del dipartimento Tutela ambientale proprio all’Almagia’. In merito alla questione dei rifiuti che tuttavia caratterizza tutta la citta’, ancor di piu’ dopo i fatti di Malagrotta, in piu’ occasioni insieme ad Ama di zona abbiamo promosso interventi straordinari di pulizia, talvolta coordinati anche con i comitati della zona. Siamo consapevoli della problematica relativa ai conferimenti illeciti di ingombranti ed e’ per questa ragione che ogni mese vengono realizzate raccolte straordinarie itineranti tra i quartieri del nostro Municipio, sempre piu’ apprezzate e partecipate. La prima, non a caso, ha interessato proprio il quartiere di Tor Pignattara. Al tempo stesso, gli organi competenti, a partire dalla polizia locale Nucleo Ambiente e Decoro e il Reparto Tutela ambiente del V Gruppo, svolgono quotidianamente attivita’ di monitoraggio per il rispetto del Regolamento di Gestione dei Rifiuti urbani, per questo motivo, ci aspettiamo, in merito ai fatti dichiarati e filmati con i cellulari, che sia stata fatta formale denuncia e non solo una dichiarazione alla stampa. L’attenzione della nostra giunta, dunque, e’ fortemente rivolta alla cura del verde e del territorio, il dialogo costante con la cittadinanza e gli Enti del Terzo settore – rispetto a queste tematiche – rappresenta per noi un valore aggiunto ed e’ per questo che ogni giorno interloquiamo con loro”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna