NCC, da oggi attive le sanzioni. Scontro tra conducenti: chi ha votato M5S che dice?

Dalla mezzanotte di oggi è scaduta la moratoria. Il post polemico di Radio NCC

Entrano i vigore oggi le sanzioni per gli autisti che violeranno le nuove norme sul noleggio con conducente. Gli NCC potranno evitare il ritorno in rimessa solo se, a inizio giornata, hanno più prenotazioni all’interno della provincia in cui hanno l’autorizzazione. Ma niente più chiamate in corsa e obbligo di compilare un foglio di servizio in cui annotare tutti i dati inerenti la corsa, il conducente e il cliente. Un punto, quest’ultimo, contestato con forza dalle sigle che rappresentano molti autisti perché violerebbe, dicono, i dettami del Regolamento europeo sulla privacy. Gli autisti sono in fibrillazione e a livello locale sono state prese iniziative per contrastare le nuove norme. La Regione Calabria ha impugnato le nuove regole alla Corte Costituzionale e il consiglio regionale lombardo ha votato una mozione per prorogare ulteriormente l’avvio delle sanzioni.

Nel frattempo l’amarezza e la tensione dei conducenti è palpabile anche in rete. Radio NCC – pagina Facebook molto seguita tra gli addetti ai lavori – questa mattina ha pubblicato un post polemico all’indirizzo dei colleghi che hanno votato M5S alle scorse elezioni politiche.

“Oggi 15 maggio 2019, con l’entrata in vigore delle norme ammazza ncc volute fermamente dai 5 stelle, facciamo un saluto particolare a tutti quei Ncc che hanno votato il M5S e che criticavano questa pagina quando gridavamo che erano pericolosi – scrive – li avete votati e vi hanno reso abusivi, complimenti vivissimi. Aspetto di leggere ancora i vostri commenti, ma siete spariti”. Un attacco accompagnato da una foto che riprende un tweet del pentastellato Paolo Ferrara e che ritrae alcuni tassisti che sponsorizzano il Movimento Cinque Stelle.

Nelle prossime settimane sarà interessante vedere se – e come – verranno effettuati i controlli per far rispettare le nuove norme.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna