Per il commercio nel centro di Roma un patto cittadini-esercenti

Per il responsabile del Cna commercio i negozi sono un presidio di sicurezza, ma i residenti devono dialogare di più

(immagine di repertorio)

“Per rilanciare il commercio nel centro storico serve trovare un accordo tra residenti commercianti. Ad oggi c’è troppa conflittualità tra chi qui lavora e chi qui vive”. Lo afferma a Radiocolonna Claudio Capezzuoli, responsabile di Cna Commercio. Durante il lockdown in media il 15% dei negozi ha chiuso e la stragrande maggioranza non ha riaperto, migliaia di posti di lavoro che sono andati in fumo; intere vie, vedi via Nazionale, che hanno perso la loro identità. In alcuni casi, durante i mesi più critici della pandemia, il giro d’affari è calato anche del 90%.

“Eppure – dice – la presenza dei negozi nel centro storico è stato  un vero presidio, una garanzia anche per la sicurezza . Il comune non riesce a fare tutto e noi per quanto riguarda il verde, l’arredo urbano noi possiamo dare il nostro contributo”. La Cna vede un centro storico in forte degrado, perché commercianti e residenti si sentono quasi in competizione, proprietari dello stesso territorio. Ecco perché la nuova amministrazione capitolina, guidata da Gualtieri, può favorire, fare da mediatrice per una nuova alleanza.

Ora si apre la questione del rinnovo dei permessi di occupazione di suolo pubblico tramite i dehors. La Cna dice sì, questo ha permesso al commercio di riprendersi dai momenti più bui, ma riconosce che servono regole chiare, se non altro per far sì che ci sua uno stile unico nelle installazioni. 

La Camera di Commercio di Roma ha rilevato che per il 47,7% delle imprese intervistate la riduzione di fatturato nel 2020 ha superato il 30%. In totale per il 79,1% delle imprese il fatturato è diminuito (per il 31,4% delle imprese il fatturato è diminuito fino al 30%) a fronte di un 20,9% che ha visto invece il fatturato stabile o in aumento. Circa il 30% delle imprese dichiara una situazione di vulnerabilità. Per quanto riguarda il 2021 solo l’8% ha previsto un fatturato in aumento. Ma forse le aperture di questi giorni potrebbero far tornare il barometro sul sereno.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna