Processo civile: ecco i punti principali della riforma

Da reintegro licenziamenti a ufficio unico separazioni e divorzi

Semplificare i procedimenti civili nelle forme e nei tempi, con l’obiettivo di tagliare del 40% la durata dei processi. Ruota intorno agli impegni assunti dal Governo con l’Europa nel Pnrr, l’architettura della riforma del processo civile, che l’Aula della Camera ha definitivamente approvato con 364 voti a favore, 32 contrari (i deputati di Fdi e Alternativa) e sette astenuti. Dal via libera definitivo di Montecitorio, l’esecutivo avra’ 12 mesi di tempo per emanare i decreti legislativi di attuazione della delega. Ecco i punti principali.

– RITI ALTERNATIVI: si rafforzano mediazione, negoziazione assistita e arbitrato. Incentivi fiscali e, nei casi previsti, gratuito patrocinio per chi sceglie la mediazione. La negoziazione assistita tramite avvocati viene estesa alle controversie di lavoro e a quelle sull’affidamento e il mantenimento dei figli nati fuori del matrimonio; e i coniugi potranno pattuire in sede di divorzio l’assegno divorzile in unica soluzione. L’arbitrato viene potenziato rafforzando le garanzie di imparzialita’ degli arbitri e attribuendo loro (se le parti sono d’accordo) il potere di emanare misure cautelari.

– SEMPLIFICAZIONE DEL PROCESSO: Nel processo di primo grado si introducono dei termini intermedi dopo gli atti introduttivi per definire le domande, le eccezioni e le richieste di prova. In questo modo alla prima udienza il giudice potra’ imprimere alla causa il suo corso senza rinvii, stabilendo il calendario esatto. Vengono soppresse alcune udienze “inutili” e si stabilizzano le innovazioni telematiche introdotte durante l’emergenza Covid. In appello, razionalizzazione del “filtro” e restrizione delle possibilita’ di sospendere l’efficacia della sentenza di primo grado. Semplificazione dei riti anche in Cassazione: essa potra’ essere investita direttamente dal giudice nelle ipotesi di questioni di puro diritto, nuove, di particolare importanza, che presentino gravi difficolta’ interpretative, e abbiano carattere seriale

– TUTELA DEL CREDITO NELLE ESECUZIONI: semplificazione anche nella procedura di espropriazione presso terzi. Si introduce la vendita dell’immobile da parte dello stesso debitore esecutato.

– LICENZIAMENTI, PRIORITA’ A GIUDIZI SU REINTEGRO: Ci sara’ unico procedimento per i licenziamenti, con una corsia preferenziale per la trattazione della questione dell’eventuale reintegrazione nel posto del lavoro. Obiettivo e’ far si’ che aziende e lavoratori siano il meno tempo possibile nel limbo.

– TRIBUNALE PER LE PERSONE, I MINORENNI E LE FAMIGLIE: Le cause di separazione e divorzio e le materie oggi di competenza del Tribunale dei minori confluiscono in unico nuovo ufficio giudiziario. E si introduce un rito unitario per tutti i procedimenti in materia di famiglia, con la possibilita’ per il giudice, in caso di questioni che riguardano i figli di discostarsi dalle richieste dei genitori, se non conformi all’interesse superiore del minore. Nel testo sono state inserite delle norme per rendere piu’ incisive e immediate le iniziative del magistrato in caso di violenza domestica da parte dell’uomo contro la donna e i minori.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna