Roma 2021: Necci (Federalberghi), futuro sindaco punti su turismo di qualità

"E grandi eventi. Elaborato un documento con proposte per la nostra città che riguardano il decoro, la sicurezza, i trasporti, i poteri amministrativi: tutte proposte che riteniamo di buon senso e che vanno al di là dell'ideologia".

“L’attuale governo sta facendo il possibile per affrontare la pandemia e ci auguriamo che i sostegni al settore alberghiero vengano prorogati finché non si tornerà una piena operatività per evitare licenziamenti che sarebbero drammatici. Nella Capitale chiediamo al futuro sindaco di investire su un turismo di qualità e di puntare su grandi eventi”. Così Roberto Necci, vice presidente di Federalberghi Roma e presidente del centro studi dell’associazione, in un’intervista esclusiva al quotidiano online LabParlamento.

“Il prossimo inquilino del Campidoglio avrà un compito molto importante che è quello di riorganizzare la città, anche con modelli molto più funzionali e di respiro internazionale per Roma. Nel documento che abbiamo elaborato ci sono proposte per la nostra città che riguardano il decoro, la sicurezza, i trasporti, i poteri amministrativi: tutte proposte che riteniamo di buon senso e che vanno al di là dell’ideologia”.

“Roma ha bisogno di poteri non speciali ma adeguati alla vastità di una città, fra le più grandi d’Europa, con un patrimonio storico, artistico, archeologico e culturale che non ha eguali al mondo. Il futuro sindaco di Roma deve poterla governare con i poteri simili ad uno Stato-Regione. L’auspicio è che la conoscenza dei meccanismi amministrativi così complessi in questa città possa arrivare a snellire alcune procedure necessarie per governare al meglio la Capitale e rilanciarla sotto tutti i profili”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna