Roma 2021: Rebecchini (Acer), a Capitale serve un sindaco come Draghi

Il presidente dei costruttori romani ha inviato una lettera al nuovo presidente del Consiglio

“Anche a Roma serve un Draghi”. Lo ha detto Nicolo’ Rebecchini, presidente dell’Acer, associazione romana dei costruttori, parlando al Foglio, in merito alle prossime elezioni amministrative. “Non possiamo rimanere inermi assistendo all’ennesimo sacrificio di Roma sul piano elettorale, per questo ci auguriamo che, sull’esempio del suo governo, anche qui si abbandonino le vecchie logiche di partito e si arrivi a una soluzione condivisa che porti a una pacificazione per il bene di tutti”, ha spiegato Rebecchini.

“Qui” a Roma “non possiamo sperare nella saggezza del capo dello Stato, possiamo pero’ augurarci che i partiti si prendano la loro responsabilita’ e che chi oggi governa faccia su di loro una moral suasion”. Il presidente dell’Acer si e’ rivolto proprio al presidente del consiglio Mario Draghi: “Senza Roma il Paese intero non riparte. Le chiedo pertanto di portare questo tema all’attenzione di tutte le istituzioni”.

Per Nicolo’ Rebecchini alla Capitale serve “una larghissima convergenza politica e amministrativa, una squadra allargata e un grosso passo indietro delle forze politiche mettendo ad amministrare la citta’ una persona davvero capace, un Drago appunto”, serve, pero’, anche, “una persona a cui la citta’ e i partiti si affidino e che possa decidere senza mediazioni continue”.

Per quanto riguarda i temi, il presidente Acer specifica che “servono scatti in avanti su rifiuti e sulla mobilita’: non basta programmare la Metro C, ma serve capire che cosa fare prima che questa infrastruttura sara’ pronta per permettere ai cittadini di usare il trasporto pubblico”.

Roma “purtroppo dipende da logiche legate alla politica nazionale che pero’ ultimamente si e’ disinteressata della citta’, prova ne e’ la difficolta’ che centrodestra e centrosinistra stanno incontrando per trovare un candidato. Adesso serve mettere via i piccoli interessi di parte, mettere al centro la citta’”. Infine, sulla giunta Raggi Rebecchini spiega: “Sulla questione rifiuti ha completamente fallito, si predicava la sostenibilita’ ambientale e invece viviamo nella citta’ meno sostenibile d’Italia, costretti a inviare i rifiuti ovunque perche’ alla buona amministrazione e’ stato fatto prevalere il pregiudizio politico del ‘no’ a prescindere all’inceneritore”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna