Roma: giunta approva variazione bilancio, disponibili 620 mln

Gualtieri "acceleriamo"

La giunta capitolina di Roma ha approvato la variazione di bilancio 2022-2024 che rende disponibili 620 milioni di euro per il solo 2022, tra parte corrente e investimenti. Lo rende noto il Campidoglio. “La priorità è finanziare interventi pronti per essere realizzati, utilizzando fondi statali e risorse non impegnate negli anni precedenti. Ad essere interessati dalle ulteriori disponibilità saranno vari settori, come quelli dei rifiuti e dell’edilizia popolare, ma anche decoro urbano, mobilità, sociale e scuola – si legge nella nota -. Una manovra di parte corrente per 152 milioni, tra i quali circa 42 milioni di euro da contributi e rimborsi statali e regionali a destinazione vincolata e 25 milioni derivanti da ristori nazionali. Questi ultimi saranno utilizzati in parte per la copertura di maggiori spese non procrastinabili, in parte per altri interventi di assoluta emergenza, tra cui 6 milioni per interventi straordinari di bonifica e di smaltimento rifiuti, 2 milioni per lo sfalcio dell’erba lungo le strade e poi altre risorse per vari settori, tra i quali la vigilanza per gli impianti sportivi (400mila euro), spese per l’edilizia popolare (1,5 milioni di euro per appartamenti sparsi in condomini privati), spese per iniziative legate a grandi eventi come l’Expo (5 milioni di euro) e a progettazioni Pnrr (quasi 1,2 milioni di euro) e altre risorse per il trasferimento delle Botticelle a Villa Borghese, l’emergenza cinghiali, i centri antiviolenza e l’organizzazione dell’Estate Romana. 12 milioni vengono invece utilizzati per fronteggiare il caro bollette per le attività di Roma Capitale, causato dall’innalzamento dei costi energetici”.

“Un altro importante incremento di risorse – spiega il Campidoglio – viene da fondi non utilizzati da precedenti amministrazioni e quindi rimessi alla disponibilità dei dipartimenti; un avanzo vincolato di oltre 86 milioni di euro che andrà a garantire, ad esempio: oltre 13 milioni di euro in favore dei libri di testo per scuole medie e superiori, quasi 7,8 milioni a sostegno della lotta contro le povertà, 4 milioni per nidi e micronidi, quasi 3,4 milioni per favorire l’autonomia degli studenti con disabilità, quasi 2,2 milioni per trasferimenti a sostegno delle famiglie e circa 1,7 milioni di euro per finanziare borse di studio. Nuove risorse potrebbero arrivare da ulteriori contributi dello Stato e da altre verifiche degli equilibri di Bilancio sulla parte corrente con l’atteso incremento degli introiti provenienti dal contributo di soggiorno. La manovra incrementa gli investimenti per 468 milioni di euro, tra applicazione di avanzi di amministrazione e nuove risorse provenienti da fondi nazionali, regionali e Pnrr. In questo contesto vengono quindi stanziati per il 2022 120 milioni di euro aggiuntivi, portando il totale per l’anno in corso a 220 per milioni, per l’acquisto di edifici di edilizia residenziale pubblica, come già annunciato dal Sindaco nelle scorse settimane”.

Tra gli altri interventi più significativi i 33,8 milioni di euro per lavori relativi alla Linea C della Metro e i quasi 1,9 milioni per la diramazione della Metro B1. Poi i 20 milioni per la manutenzione straordinaria delle strade, accanto ai 4,9 milioni per l’allargamento della via Tiburtina (dal km 9,300 al km 15,800), agli interventi di messa in sicurezza su via Boccea e ad altre risorse per strade e svincoli della viabilità cittadina. E ancora gli oltre 13 milioni per la realizzazione di ciclovie, ulteriori 16 milioni per la Mobilità (6 per nuovi bus), i 9,6 milioni per la ristrutturazione dell’Auditorium e della Casa del Jazz, i 6,5 milioni per la riqualificazione delle scuderie di Villa Ada, gli oltre 4,6 milioni per la manutenzione delle scuole, i 4,4 milioni per il restauro del Mausoleo di Augusto e gli 1,3 milioni per la riqualificazione dell’Aranciera di San Sisto. Inoltre, 2 milioni di euro vengono destinati alla manutenzione straordinaria di aree ludiche e sportive, e arrivano quasi 900mila euro per l’intervento di miglioramento del Palatiziano. Seguono altri investimenti per il decoro urbano, per i piani di zona e di recupero urbano, oltre che per la manutenzione delle opere fognarie. Infine, circa 46 milioni di euro vengono stanziati per investimenti richiesti dai Municipi, per numerosi interventi infrastrutturali, di manutenzione e di decoro urbano.

“Quello di oggi è un passaggio importante per la nostra città – dichiara il sindaco di Roma Roberto Gualtieri -. Sin dall’inizio abbiamo lavorato per dotare Roma di risorse adeguate a fronteggiare le emergenze e a renderla una città più efficiente, verde, dinamica e inclusiva. Ora acceleriamo grazie a 620 milioni di incremento di risorse per far partire i lavori più urgenti e strategici. A partire dai 120 milioni aggiuntivi per acquistare nuove case popolari, passando per azioni e investimenti su strade, scuole, ciclovie, fino al significativo sostegno alle spese per il sociale e per la pulizia della città. Ringrazio la Vicesindaca Scozzese, gli assessori, tutti gli uffici e i Municipi. Questa variazione darà una spinta molto forte agli investimenti e agli interventi per il rilancio di Roma”, conclude. “In questa variazione di bilancio, approvata dalla Giunta, operiamo uno stanziamento di risorse straordinarie e applichiamo nuovamente, per interventi di pronta realizzabilità, risorse già presenti nei capitoli di bilancio ma non utilizzate dalle precedenti amministrazioni – aggiunge la vicesindaco e assessore al Bilancio Silvia Scozzese -. L’operazione finanziaria consentirà all’Amministrazione di fornire un’ulteriore importante risposta, dopo le manovre già approvate negli scorsi mesi, a diverse necessità, in parte nuove, in parte annose, delle cittadine e dei cittadini romani. Penso alla possibilità di intervenire ulteriormente contro l’emergenza rifiuti, per il decoro urbano e in favore delle politiche sociali, a partire dall’edilizia popolare”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna