Roma si legge: vaccinati i primi mille bambini in Italia allo Spallanzani – PODCAST

Nella Capitale lo sciopero di Cgil e Uil: attesi 160 pullman e oltre settemila persone per la manifestazione statica in piazza del Popolo

Ecco le principali notizie della giornata dalla rassegna stampa a cura di Marco Moretti che potete ascoltare anche in versione podcast (cliccare qui).

Covid: i primi 1000 bambini d’Italia vaccinati allo Spallanzani

Un cerotto colorato, un attestato di coraggio, ieri allo Spallanzani i primi mille bambini in Italia ad essere vaccinati in un clima di festa che per il resto in Regione come in tutto il Paese riserva poche notizie festose. La curva del virus continua a salire e ieri sono stati superati i 1000 contagi a Roma.

Niente concerto di Capodanno 

“Non ce la sentiamo” ha detto ieri l’assessore alla Cultura Gotor per motivare l’annullamento del concerto di capodanno al Circo Massimo “sarebbe stata una bella proposta ma il realismo, la prudenza, la priorità della sicurezza e il confronto con le altre città ci inducono – a 16 giorni dall’evento – a soprassedere. Non ci sarà alcun concerto, nemmeno con meno persone e posti a sedere, la sera del 31 staremo “tranquilli”. Quel tranquilli di Gotor ha in realtà messo in agitazione gli organizzatori di altri concerti ed eventi nel periodo natalizio – nessuno chiaramente con i numeri del Circo Massimo, che viene così annullato per il secondo anno consecutivo – ma per il rischio che qualcosa di analogo possa succedere anche in spazi più piccoli e al chiuso. I teatri, i locali, lo stesso auditorium, hanno un fitto programma di spettacoli per le feste e dall’assessorato alla Sanità per la prima volta ieri circolava l’eventualità che la Regione possa andare in zona gialla subito dopo Natale. Tanti annullamenti anche per gli eventi sociali e aziendali, l’Ansa ha raccontato che anche il party di Natale della Roma calcio è stato cancellato. Ad agitare gli operatori turistici c’è invece l’introduzione dei test per chiunque arriva in Italia, area Unione europea compresa, già da inizio mese erano piovute tante cancellazioni delle prenotazioni degli alberghi, la norma non può che peggiorare il quadro.

Hacker di green pass

Il sistema sanitario del Lazio, oltre a quello della Campania, Puglia, Lombardia e Veneto è stato nuovamente violato da hacker con l’obiettivo questa volta di fabbricare falsi green pass. Colpiti i collegamenti che i server delle regioni hanno con le farmacie che effettuano tamponi. Con la collaborazione del ministero della Salute, i falsi green pass individuati sono stati tutti disabilitati per impedirne l’utilizzo, ma l’inchiesta della procura di Napoli solleva nuovamente la questioni di quanti green pass illegali siano in circolazione nel paese con hacker locali e che agiscono a livello internazionale per vendere le false certificazioni.

Lo sciopero di Cgil e Uil a Roma

“Roma oggi alla prova di sciopero e sit-in” riprendiamo dal Corriere “per lo sciopero di Cgil e Uil sono attesi 160 pullman e oltre settemila persone per la manifestazione statica in piazza del Popolo. Mezzi pubblici nelle fasce di garanzia, disagi anche su treni e aerei”. Sempre il Corriere racconta il fenomeno delle occupazioni delle scuole a Roma, ormai arrivate a 50, un fenomeno che non trova riscontro in altre città italiane, a Milano nessuna scuola è occupata. La peculiarità romana è determinata da “stato fatiscente di molti edifici e poi questioni intangibili come carenza progettuale della scuola e il suo fine ultimo, il suo ruolo nel futuro dei ragazzi, la qualità dei programmi”.

A piedi per il centro

Sulla Repubblica: “Il rilancio di Briatore, pedonalizzare via Veneto”, e Chicco Testa sul Foglio si spinge anche oltre e lancia la suggestione di un centro completamente pedonalizzato: “Piccola morale un po’ banale – dice Testa – Roma all’aperto è uno spettacolo unico ed è quasi tutta raggiungibile a piedi per il centro, per giunta le aree pedonali si sono molto estese. Anche i turisti ne andrebbero pazzi”.
 

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna