Roma si legge: al via il piano mascherine all’aperto nei luoghi affollati – PODCAST

E per via Veneto si pensavo nuovi progetti per far rinascere la strada mito

Ecco le principali notizie della giornata dalla rassegna stampa a cura di Marco Moretti che potete ascoltare anche in versione podcast (cliccare qui).

Tornano le mascherine all’aperto

Il piano di Gualtieri per le mascherine all’aperto sarà modulare, se i contagi aumenteranno la misura sarà estesa a tutta la città. Per ora l’ordinanza riguarda 22 strade e piazza del centro, Prati, quartiere Africano, sono effettivamente tutte le cosiddette vie dello shopping con qualche dimenticanza e sarà in vigore dalle 24 di domani alle 24 del 31 dicembre. La prefettura invece – secondo il Corriere – pensa di stringere i controlli sui minori senza green pass sui trasporti pubblici: “Potrebbero dover viaggiare con un tampone negativo ogni 48 ore, soprattutto per andare a scuola”. Per il rischio assembramenti salterà intanto per il secondo anno consecutivo la Befana a piazza Navona, le altre manifestazioni delle feste ad oggi sono in piedi compreso il cartellone di oltre 50 concerti, eventi e pista di pattinaggio all’auditorium.

Netturbini e bonus di Natale

“Babbo Natale all’Ama – leggiamo sul Tempo – Non basta più il premio per ridurre le assenza dei netturbini, spuntano altri incentivi extra. Le adesioni per lavorare nei giorni festivi sono ancora poche e si corre ai ripari per evitare il collasso della raccolta rifiuti. Sul piatto un extra da cento euro se si lavorerà nei quattro festivi natalizi che varranno 320 euro in più”. Intanto il Foglio ci ricorda in un boxino quotidiano, una specie di calendario dell’avvento, che mancano solo 22 giorni a Roma pulita, in riferimento all’attuazione del piano di pulizia straordinario annunciato da Gualtieri ad inizio mandato, esattamente un mese fa.

Scuole occupate

Leggo titola: “Scuola bollente, troppe occupazioni e proteste, allarme dei presidi che dicono l’anno è a rischio. Sono una trentina le superiori occupate nelle ultime settimane”. La preside del Mamiani Tiziana Sallusti spiega “una volta liberata la scuola – perché le occupazioni poi finiscono regolarmente – è necessaria la sanificazione e andranno via altri due giorni, poi c’è l’8 dicembre, passerà almeno un’altra settimana prima di riuscire a riprendere le lezioni, poi il 10 c’è lo sciopero della scuola…”.

Videogame  a Cinecittà

“A Cinecittà il futuro si gioca in un videogame”: il titolo è di Repubblica e l’articolo si occupa dell’iniziativa della regione Lazio a favore di 10 start up che animeranno il “Cinecittà Game Hub” dove – dal 10 gennaio al 22 aprile – lavorerà l’acceleratore di videogiochi, un incubatore di aziende giovani, tutti under 35, non solo informatici, ma anche filosofi, archeologi, web designer. Tanti sponsor a cominciare da Sony, i giovani impareranno le regole del settore nel campo del business e della produzione.

Via Veneto torna a splendere

Non tutto è perduto per via Veneto. Tutti da tempo descrivono il declino di via Veneto, la strada della dolce vita in crisi pluriennale, ma oggi il Corriere ci racconta che “hotel, palazzi e locali riaccenderanno il mito di via Veneto. In arrivo investimenti per acquistare la ex storica sede della BNL e poi fondi immobiliari al lavoro per ristrutturare gli edifici della via, il nuovo albergo 5 stelle lusso Rosewood Rome che sarà inaugurato nel 2023, Flavio Briatore che aprirà uno dei ristoranti della sua catena a marchio Crazy Pizza e forse anche il Twiga romano. Dovrebbe sbarcare anche Nobu, marchio famoso per la cucina fusion con un proprio ristorante all’interno dell’attuale Grand Hotel”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna