Roma si legge: l’agricoltura laziale in piena emergenza per la siccità – PODCAST

Pianificati i razionamenti di acqua nelle città, ma non ancora attuati 

Ecco le principali notizie della giornata dalla rassegna stampa a cura di Marco Moretti che potete ascoltare anche in versione podcast (clicca qui).

Allarme siccità: le strategia di Acea e Campidoglio 

Acea e Campidoglio hanno messo in programma i provvedimenti principali per fronteggiare l’emergenza idrica, ma sono misure che non scatteranno subito. Il Corriere indica le tappe nella “riduzione della pressione idrica ai piani alti delle case. Sospensione dell’erogazione di notte e autobotti nei quartieri dove scarseggia solitamente l’acqua. La situazione al momento è di allarme rosso per l’agricoltura ma l’Acea replica ‘nessun razionamento dell’acqua in vista. Localmente però qualche misura è già in atto a Bracciano è stato vietato di lavare l’auto, innaffiare i giardini, riempire le piscine”. Il Sole 24 Ore nel ricordare che è attesa per oggi la firma dello stato di calamità naturale per l’emergenza siccità parla di “situazione critica nel viterbese. A Roma invece è sotto controllo, nel 2017, anno dell’ultima siccità, la dispersione era al 43%, ora siamo al 28% spiega Erasmo D’Angelis, segretario dell’autorità di bacino del Tevere. Inoltre il 70% dell’acqua potabile di Roma viene dalle montagne del reatino. Diversa è la situazione per l’agricoltura. Coldiretti stima 250 milioni di danni. A rischio solo a Roma 2.500 aziende e 15mila addetti”. Scrive il Messaggero che “sono a rischio anche vino e ortaggi dei Castelli romani, i laghi di Albano e Nemi sono ai minimi storici e hanno un deficit idrico di 50 milioni di metri cubi”.

Al via gli esami di maturità 

Sono iniziati stamane gli esami di maturità con gli scritti in presenza per la prima volta in due anni, a Roma riguardano 50mila studenti per il Messaggero c’è un “boom di professori positivi, gli orali a rischio slittamento. In queste ultime ore sono mancati circa 800 commissari d’esame”. Passando ad altro grado di scuola la Repubblica titola “Alle elementari con i coltelli. Dopo il Covid picco di sequestri di armi da taglio tra giovani e giovanissimi. Li portano negli zaini, gli indagati hanno anche 9-10 anni. A trovare l’arma negli zaini sono quasi sempre le maestre”.

Di Maio lascia i 5 Stelle

La scissione che si è consumata ieri all’interno del Movimento 5 Stelle non dovrebbe avere ripercussioni nella Regione Lazio, secondo il Corriere “i sette consiglieri M5s confermano la fiducia al presidente Conte”, non nascerà nessun gruppo di dimaiani contrariamente a quanto succederà in altre importanti realtà territoriali, a cominciare dalla Campania.

Ama ha un nuovo cda

Leggiamo su Metro del nuovo consiglio di amministrazione dell’Ama “tre donne e due uomini. Il presidente entrante è daniele Pace, Ad di Invitalia che opererà a titolo gratuito, gli altri 4 membri avranno una retribuzione di 27mila euro lordi annui”.

Le terme di Fiuggi diventano private

“Le terme di Fiuggi passano ai privati – lo scrive il Corriere – svolta storica. Sarà una società che mette insieme quattro top player dell’imprenditoria nazionale, al Comune andranno 5,4 milioni di euro, già messi a punto i piani per il rilancio e lo sviluppo del complesso termale”.

 

 

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna