Roma si legge: vita difficile per le carte di identità elettroniche a Roma – PODCAST

La Sanità nel Lazio mette online tutte le prenotazioni

Ecco le principali notizie della giornata dalla rassegna stampa a cura di Marco Moretti che potete ascoltare anche in versione podcast (clicca qui).

Flop open day carte identità digitale

I cittadini sono assetati dì semplificazione e quindi se gliela prometti e non gliela sai dare il boomerang è assicurato. Il flop di sabato dell’open day delle carte dì identità digitali è stato evidente, lunghe code, terminali in tilt, molte proteste, 1300 carte rilasciate che saranno consegnate tra sei giorni come ha spiegato lo stesso sindaco Gualtieri su Facebook insieme alle scuse per code e disagi e le assicurazioni che altre giornate di questo tipo seguiranno. Nei commenti dei lettori pubblicati sul Corriere si ritrovano frasi come “presa in giro e mossa pubblicitaria”. E nel commento in prima pagina di oggi si parla di “un passo indietro di 20 anni. Nell’era del digitale – scrive Paolo Conti – solo noi romani dobbiamo aspettare enormemente di più rispetto ai tempi dei documenti cartacei”. Leggo è andato a verificare le disponibilità per prenotare un appuntamento: “7 luglio nel quarto municipio, 8 luglio nell’undicesimo, fine settembre al municipio 7, mentre nel primo, secondo e decimo non ci sono proprio date disponibili”.

Il 118 non parla inglese, muore turista tedesca di 25 anni

Ma la sfida digitale continua, il Messaggero dice “Visite mediche come i vaccini: si prenota online. Intervista all’assessore D’Amato che assicura ‘rivoluzione da metà aprile, il paziente dovrà confermare o disdire 72 ore prima”. Ma anche sulla sanità c’è da segnalare il caso sollevato dalla Repubblica: “Il 118 non parla inglese, turista tedesca muore a 25 anni. La donna era in vacanza con un van camperizzato insieme al suo compagno irlandese. L’uomo ha chiamato i soccorsi “ma non sono mai arrivati”. L’odissea burocratica della famiglia”. In realtà si legge poi che l’ambulanza “è arrivata 43 minuti dopo”, ma evidentemente troppo tardi.

Nuove assunzioni in Campidoglio 

Ancora dalla Repubblica: “Il Campidoglio torna ad assumere. Ingegneri, architetti, funzionari per istruire in fretta e furia tutte le pratiche necessarie per non bloccare la macchina dei finanziamenti. Per non perdere i fondi del Pnrr il Comune è pronto a mettere mano a quelli del proprio bilancio, perchè gli impiegati già a disposizione degli uffici capitolini sono già oberatissimi con l’ordinario. A disposizione ci sono 13,1 milioni di euro”.

Campidoglio: riapre l’ufficio per il condono edilizio

Il Messaggero ci fa sapere che “dopo due anni riapre oggi l’ufficio per il condono edilizio capitolino. Entro i prossimi 4 anni il Comune deve smaltire l’immenso arretrato di pratiche 180mila. Lo farà digitalizzando il materiale, semplificando e accelerando l’approvazione delle domande: se c’è da sanare una tettoia o una finestra basterà un’autocertificazione”.

Presi i nonni rapinatori in trasferta a Caserta

Dal Corriere: “Colpo alle poste dei nonni rapinatori. Due romani di 74 e 71 anni arrestati a Caserta durante una rapina all’ufficio postale. Ora sono in carcere a Santa Maria Capua Vetere”. Pare che alla domanda sul perché della rapina in trasferta abbiano risposto “Perchè qui pensavamo fosse più facile”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna