Salvini, sì a Tav ma rivedere costi. Di Maio ribadisce no

Di Stefano attacca il vicepremier leghista: "E' andato a vedere un buco di 5 metri. Di quale opera parla?". Conte annuncia "un patto sui cantieri"

Il vicepremier Matteo Salvini ha visitato stamattina a Chiomonte, in Valle di Susa, il cantiere della Torino-Lione. Tensioni fra i No-Tav e le forze dell’ordine.

“Se tornare indietro costa come andare avanti, io sono per andare avanti”, ha detto sostenendo che “noi saremmo gli unici che si fermano. L’opera si può ridimensionare, si può risparmiare un miliardo di euro”. Ma il collega di governo Luigi Di Maio ribadisce il no e Manlio Di Stefano, sottosegretario M5S agli Affari Esteri, attacca: “E’ andato a vedere un buco di 5 metri. Di quale opera parla?”.

La ministra francese Elisabeth Borne esprime “fiducia” nell’Italia. Il premier Conte annuncia “un patto sui cantieri” per sbloccare e velocizzare la realizzazione delle infrastrutture.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna