Stadio: il Comune chiede alla Roma 331 milioni di danni per la figuraccia e una montagna di lavoro

Il Comune passa all'attacco e chiede i danni al club 

Trascinato in tribunale dal ricorso da 291 milioni di euro presentato da Eurnova e dalla Cpi del tycoon ceco Radovan Vitek, il Campidoglio contrattacca. L’epopea dello stadio a Tor di Valle si chiude con una maxi-richiesta di risarcimento dell’amministrazione capitolina. Una causa nella causa in cui, oltre alle due società che nel corso di un iter lungo più di 7 anni hanno parlato (senza fortuna) con palazzo Senatorio per realizzare la nuovo impianto dei giallorossi, adesso entra anche la Roma.

Già, perché il Comune chiede 331 milioni di euro di danni al club giallorosso oltre che ai suoi due ex partner. Nel conteggio c’è di tutto: i soldi per la internazionale incassata da Roma Capitale, quelli dovuti peri dirigenti e funzionari che hanno lavorato a vuoto, le opere pubbliche che la città ha perso.

Il controricorso firmato dall’avvocatura capitolina è stato depositato al Tar del Lazio lunedì ed è un j’accuse lungo 30 pagine. Un romanzo burocratico a tinte fosche che ripercorre l’ascesa e il declino del progetto voluto dall’ex presidente giallorosso James Palletta e cancellato dai nuovi proprietari statunitensi della Roma, Dan e Ryan Friedkin. “Una montagna di lavoro!”, esclama il Campidoglio nel documento di cui Repubblica è in possesso.

Anni e anni di riunioni che, andando a stringere, non hanno prodotto nulla. L’avvocatura capitolina mette in fila “migliaia di ore di lavoro” e “centinaia di riunioni interne”, lo studio trasportistico commissionato al Politecnico di Torino dalla giunta Raggi e le due diligence, la revisione di tutti gli atti, svolta dal dipartimento Urbanistica dopo l’inizio dell’inchiesta su Tor di Valle che portò all’arresto, tra gli altri, del costruttore e titolare di Eurnova, Luca Parnasi.

La storia è nota, compresi gli ultimi risvolti: prima la scoperta “della circostanza che i terreni non erano nella disponibilità di Eumova sin dal 2018 essendo sottoposti a pignoramento immobiliare”, quindi l’addio della Roma al progetto e il passo indietro del Campidoglio, uno degli ultimi atti dell’era grillina. Ora il ricorso.

“L’amministrazione, la cittadinanza, in questa vicenda è parte offesa”, scrive il Comune. Come “centinaia di migliaia di tifosi” e le loro “quote emozionali”. Quindi l’accusa: “Eurnova, Cpi e As Roma hanno determinato il naufragio dell’iniziativa e frustrato l’interesse pubblico dichiarato nel 2017”.

Ecco, allora, la conta dei danni. Il primo è quello d’immagine: la rilevanza ultranazionale» assunta nel tempo dal progetto di Tor di Valle unita alla mancata realizzazione dell’opera valgono 32,7 milioni di euro secondo l’avvocatura capitolina. La cifra è calcolata in base ai 23,8 milioni di risultati prodotti da Google immettendo la chiave di ricerca “lo stadio della Roma non si farà”.

Segue il danno per le ore perse dai dipendenti capitolini: quelle dei manager valgono dai 56 ai 63 euro, quelle dei funzionari 22 euro e quelle degli impiegati 11 euro. Il totale fa quasi 2 milioni di euro. Al capitolo opere pubbliche arriva la posta più pesante: il risarcimento sale di 276 milioni di euro in un sol colpo. Tanto valgono il parco fluviale, le golene Est e Ovest, i pontili sul Tevere, la videosorveglianza, la messa in sicurezza dei fossi di Vallerano e Acqua acetosa Ostiense, il ponte ciclopedonale tra la stazione Magliana della FU e l’area dello stadio, la stazione Tordi Valle della Roma-Lido, la riunificazione dell’Ostiense, il recupero della tribuna del vecchio Ippodromo, i parcheggi e il verde pubblico. Interventi che non verranno più realizzati e donati alla città. Alla somma vanno aggiunti anche 9 milioni di euro per il potenziamento della Roma-Lido. Fino a raggiungere il totale di 311.356.733,57 euro. La battaglia legale è appena iniziata.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna