Unicoop Tirreno: Cobas, firmato accordo al Mise

Per salvaguardare 270 posti lavori. Perse 4 unità produttive

La lunga vertenza che ha messo in discussione la permanenza della Coop nel basso Lazio, si è conclusa oggi con la firma di un accordo al Mise che salvaguardia i 270 posti di lavoro, pur prevedendo la perdita di quattro unità produttive sulle otto interessate dalla crisi: Frosinone, Velletri, Aprilia e Pomezia via Cavour.

“Esprimiamo parziale soddisfazione per aver tenuto nel perimetro aziendale tutti i lavoratori – dichiara Francesco Iacovone, del Cobas nazionale – ma registriamo l’ennesima perdita di superficie di vendita di una Cooperativa che da anni non riesce ad invertire la rotta e continua a erodere occupazione e patrimonio”.

“L’accordo prevede l’esodo incentivato con incentivo pari a 37mila euro lordi per 145 lavoratori su tutto il territorio della Regione, su esclusiva base volontaria – prosegue il rappresentante sindacale – e fino a 7.500 euro netti come incentivo al trasferimento”. “Vigileremo scrupolosamente sul rispetto dei termini dell’accordo e metteremo in campo tutte le azioni necessarie per evitare di tornare a sedere a un tavolo di crisi che colpisce sempre e solo i lavoratori ed è provocata esclusivamente dall’inadeguatezza di un’azienda che non è in grado di sviluppare politiche commerciali adeguate”, conclude Iacovone

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna