Il Vaticano pubblica il bilancio della S. Sede, deficit sale a 66,3 mln

Anno difficile, il 2020, che ha richiesto ai dicasteri vaticani di ridurre le spese.

Un anno difficile che ha richiesto ai dicasteri vaticani di ridurre le spese. Un anno in cui si e’ attinto in misura minore rispetto al passato dall’Obolo di San Pietro per sostenere il servizio dei dicasteri per la missione del Papa ma si sono aiutate maggiormente le Chiese nei Paesi piu’ colpiti dalla pandemia. E’ quanto emerge dal bilancio consolidato della Santa Sede, che padre Juan Antonio Guerrero Alves, prefetto della Segreteria per l’Economia presenta oggi. “Il deficit dell’anno scorso era di 11,1 milioni di euro e quello di quest’anno e’ di 66,3 milioni di euro”, spiega Guerrero Alves in un’intervista ai media vaticani.

Tutto sommato, meglio di quanto ci aspettassimo – sottolinea il prefetto Vaticano per l’Economia -. Non posso dire che sia stato un buon anno. Ma date le circostanze, posso dire che per il 2020, prima della pandemia, avevamo previsto a budget un deficit di 53 milioni di euro. Quando e’ apparso il Covid, le previsioni di deficit che abbiamo fatto nel migliore scenario sarebbero state di 68 milioni di euro e nel peggiore di 146 milioni di euro. Nello scenario medio il deficit si prevedeva di 97 milioni di euro”.

“Cosi’ abbiamo rivisto il bilancio in marzo accettando un deficit di 82 milioni di euro. Il risultato che si e’ invece verificato, con un deficit di 66,3 milioni di euro, e’ stato leggermente migliore del migliore degli scenari ipotizzati, e decisamente migliore di quanto avevamo previsto nel bilancio rivisto in marzo”, osserva Guerrero Alves, secondo cui “la buona notizia e’ che, grazie agli sforzi fatti, i risultati si avvicinano molto a quelli di un anno normale. Il deficit ordinario e’ inferiore di 14,4 milioni di euro rispetto al 2019: 64,8 milioni di euro nel 2020, rispetto ai 79,2 milioni di euro del 2019”.

“Questo e’ senza dubbio un risultato migliore. Tuttavia, il rendimento degli investimenti finanziari e’ stato inferiore di 51,8 milioni di euro e anche il risultato straordinario e’ stato inferiore di 17,8 milioni di euro”, aggiunge. Per Guerrero Alves, “i dicasteri hanno agito responsabilmente nella spesa e le entrate sono diminuite meno del previsto. Le spese sono state ridotte”. E “sarebbero state ancora piu’ basse se non fosse stato per 6,7 milioni di euro di spese straordinarie legate al Covid piu’ altri 3,5 milioni di euro incluso nelle spese ordinarie. E’ un bel gesto che alcuni dicasteri legati alle Chiese piu’ bisognose di aiuto, oltre a ridurre le spese su molte altre cose hanno aumentato i contributi a queste Chiese per le necessita’ causate dal Covid”. In termini di entrate, “avevamo preventivato 269 milioni di euro prima del Covid e sono state 248,4 milioni”.

Infine i dicasteri con piu’ investimenti “hanno potuto contribuire quest’anno con piu’ denaro alle spese dei dicasteri di missione, cioe’ quelli finanziati dall’Obolo, riducendo cosi’ la necessita’ di ricorrere all’Obolo”. “L’Obolo – spiega ancora il prefetto per l’Economia – ha raccolto 44 milioni di euro e ha contribuito con 50 milioni di euro alla missione del Santo Padre nel 2020, oltre a 12 milioni di euro in esborsi diretti a progetti specifici in vari Paesi. Ha speso 18 milioni di euro in piu’ di quanto ha raccolto, attingendo il suo patrimonio pregresso”

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna