torna su
21/11/2019
21/11/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Crisi idrica, razionamento acqua probabile giá da lunedì

Acea sta per mettere precauzionalmente in campo un sistema di autobotti in cittá. Intanto il Codacons diffida l’Acea “No a chiusure acqua, prima riparare rete con soldi azionisti”

Avatar
di Redazione | 2017-08-29 29/08/2017 ore 13:46

Potrebbe iniziare da lunedì prossimo il piano di riduzione controllata delle pressioni d’acqua in orario notturno a Roma, in 90 zone della cittá. Il programma, preannunciato a fronte della forte crisi idrica, contiene in sé il rischio che l’approvvigionamento idrico possa venire a mancare dalle 23:30 alle 5 circa ai piani alti dei palazzi romani.

La necessitá di ridurre la pressione d’acqua dipenderá da un lato dal rientro in massa dei romani dalla pausa estiva e dall’altro da eventuali piogge che potrebbero scongiurare la misura. In ogni caso, a tutela soprattutto dell’operativitá degli ospedali, Acea sta per mettere precauzionalmente in campo
un sistema di autobotti in cittá.

Intanto il Codacons interviene contro ilprovvedimento, defininendolo “abnorme e assurdo”, annunciato daAcea per far fronte alla crisi idrica a Roma.

In questo senso, lo stesso Codacons con una nota fa sapere che”depositerà nelle prossime ore un esposto-diffida all’Acea,all’Antitrust, all’Autorità per l’Energia e alla Procura della Repubblica per abuso di atti di ufficio e violenza privata, diffidando l’Acea a non sospendere l’erogazione dell’acqua a Roma prima di aver recuperato (o deliberato di non distribuire) dividendi per il 2017 agli azionisti della società e prima di aver impiegato queste risorse economiche per la riparazione della rete idrica”.

Inoltre, l’Associazione “diffida l’azienda a non attuare la diminuzione di pressione dell’acqua: gli inquilini dei piani alti, in questo caso, risulterebbero assurdamente svantaggiati e si andrebbe a creare una disparità di trattamento inaccettabile.
Se proprio fosse necessaria una riduzione della pressione dell’acqua, la diminuzione deve avvenire – per poche ore – di notte, in modo uguale per tutti”.

“Ancora, con l’atto citato – conclude il comunicato – si diffidano Acea e l’Autorità per l’Energia a modificare temporaneamente le tariffe agevolate degli elettrodomestici, ‘spostandole’ per i cittadini romani dalla notte al giorno”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21594 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014